Cine Mwana Pwo – Rassegna di cinema africano

da mercoledì 23 agosto a venerdì 25 agosto – ore 21

Limonaia di Villa Strozzi, via Pisana 77

Rassegna di cinema africano a cura dell’associazione Vibramente

Cine Mwana Pwo è il nome della maschera che rappresenta le donne nelle danze tribali del centro Africa. Una maschera che ci fa da occhio per guardare l’enorme continente africano attraverso una rassegna di film che ne raccontano le contraddizioni e i rapporti sofferti con il nostro mondo.

Cinema Africano Firenze

DI SEGUITO I TITOLI IN PROGRAMMA

Mamma Africa regia di Mika Kaurismak Donna dalle mille vite, simbolo di lotta contro l’oppressione e di fisicità inesauribile nelle sue performance, dalla statura artistica pari a quella socio-politica, Miriam Makeba è un personaggio troppo complesso e sfaccettato per essere limitato allo stereotipo della cantante di Pata Pata.

Silent Stories regia di Hanne Phlypo, Catherine Vuylsteke Alg/Bel/Fra 2010 – 52’ è questo do fa un ritratto poetico di due uomini e due donne la cui identità sessuale li costringe a lasciare rispettivamente Dakar, Algeri, Conakry e Baghdad. Un film, che più che focalizzarsi sul dolore e la disperazione, è pieno di speranza e di vita e che esalta i colori di un futuro ancora tutto da scoprire.

Il pugile del Duce regia di Tony Saccucci, 2016 Italia 65’ E’ una bella parabola sull’ottusità della discriminazione raziale, che colpisce non solo chi ne è vittima ma anche chi la perpetra, privandosi di una risorsa vincente. Di questi tempi l’insensatezza della storia di Jacovacci appare come un monito a non privarsi della ricchezza portata dalla diversità, tanto più se questa diversità anela con ogni sua fibra a fare parte integrante del nostro Paese. Il pugile del Duce ricostruisce anche un mondo di uomini con il braccio teso, riluttante a mettere neri e bianchi sullo stesso piano. E ci ricorda che tutto questo succedeva appena l’altroieri.

Themba regia di Uscita: 2010 Stefanie Sycholt, sudafrica 2010, 108’ l film segue l’undicenne Themba, il cui nome significa speranza, nel viaggio che dal suo ambiente povero la porterà a giocare per Bafana Bafana, la nazionale sudafricana di calcio.

Ingresso gratuito

Per info:  3407237925 – vibramente@gmail.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone