Scarica le locandine
Festival
Musica
Progetti Strategici

Musart Festival: gli eventi e i nuovi spazi della IV edizione

Tre nuovi spazi per ospitare 30 eventi a ingresso gratuito: l’ex tipografia dell’Istituto Geografico Militare, il Chiostro di Levante della Facoltà di Lettere e piazza Brunelleschi trasformata in foyer. Un itinerario speciale tra locali, cantine e altri spazi che hanno fatto la storia della musica a Firenze. Le visite guidate ai luoghi d’arte. I docufilm Italian Masters in collaborazione con Sky Arte. Gli incontri a tema musicale di Stefano Senardi con testimoni e ospiti d’eccezione. La mostra fotografica Because The Night dedicata al decennio 1999/2009.
Sono solo alcune delle novità della quarta edizione di Musart Festival Firenze, da 13 al 24 luglio in piazza Santissima Annunziata, nel cuore della città, a due passi dal Duomo.Agli spettacoli di Roberto Bolle, Caetano Veloso, Francesco De Gregori, Steve Hackett, Loreena Mckennitt… andrà ad affiancarsi un programma di eventi e iniziative – tutti a ingresso gratuito – a conferma di un grande festival a cielo aperto.

1. E ADESSO CHE TOCCA A ME
Prende in prestito il titolo della canzone di Vasco Rossi questa nuova sezione del festival. 5 concerti in una location suggestiva: la Ex Tipografia dell’Istituto Geografico Militare, spazio solitamente non aperto al pubblico, che coniuga lo stile industriale al liberty, dove si possono ammirare le vecchie macchine con le quali venivano stampate fino a qualche anno fa le carte geografiche. Protagonisti degli incontri cinque solisti che negli anni passati hanno accompagnato i grandi artisti ospiti del Musart. 
Redi Hasa, il violoncellista più creativo fra le sponde italiche e balcaniche, stretto collaboratore di Ludovico Einaudi (Lunedì 15 luglio). Jimmy Villotti, il musicista a cui Paolo Conte ha dedicato la canzone “Jimmy, ballando”, che negli anni ha collaborato con Lucio Dalla, Francesco Guccini, Ornella Vanoni e Gianni Morandi (Martedì 16 luglio). Carlo Guaitoli, musicista eclettico, interessato ai diversi linguaggi contemporanei, da più di vent’anni è stretto collaboratore di Franco Battiato come pianista e direttore di orchestre (Mercoledì 17 Luglio). Giuseppe Scarpato, storico chitarrista di Edoardo Bennato (Giovedì 18 luglio). Anthony Sidney, chitarrista del Perigeo, una tra le più significative band italiane di jazz-rock (Venerdì 19 luglio).
Da lunedì 15 a venerdì 19 Luglio – ore 18.00 via Cesare Battisti 12
Tutti i concerti sono a ingresso gratuito con prenotazione sul sito www.musartfestival.it

2. …E CHE BELLO IL MIO TEMPO
Testimonianze di Musica e Spettacoli. Otto incontri a cura di Stefano Senardi, produttore discografico e direttore artistico, citando il grande Fabrizio De Andrè.
Dal 15 al 23 luglio dalle ore 18.30, nel Chiostro di Levante della Facoltà di Lettere, un altro prezioso angolo della città diventa protagonista di una iniziativa speciale: Stefano Senardi, insieme a ospiti e testimoni d’eccezione, fra cui Eugenio Finardi, Franz Di Cioccio, Patrick Djivas, Fran Tomasi, Francesco Sanavio, Bruno Sconocchia ci guiderà ogni sera in viaggi sospesi tra storia, musica e memoria. Tra gli argomenti la Bologna di Lucio Dalla, lo storico concerto dei Pink Floyd a Venezia, l’indimenticabile serata di Bob Marley a San Siro…
Tutti gli incontri sono a ingresso gratuito con prenotazione sul sito www.musartfestival.it

3. I LUOGHI DELLA MUSICA: MAPPA DEGLI SPAZI STORICI FIORENTINI

Club, locali, garage, cantine, discoteche ma anche piazze, gallerie e musei. 
Spazi fiorentini che hanno visto sfilare la migliore musica nazionale e internazionale, testimoni di concerti memorabili e di sperimentazione live. Alcuni non ci sono più, altri hanno cambiato identità, ma la loro storia, a partire dagli anni Sessanta, è un passato ricco da raccontare.
Musart Festival 2019 propone un percorso attraverso questi luoghi della memoria sonora. In ogni spazio sarà posta una targa descrittiva. Tra le 15 tappe, la storica cantina/sala prove dei Litfiba – da anni meta di pellegrinaggio dei fan – in via de’ Bardi, La Siesta di via dei Cimatori (qui le prime uscite live di Patty Pravo, i concerti di Ricky Shayne e Motowns), il Gala Club di via dei Pandolfini, l’ex Teatro Apollo, il Salt Peanuts…

 

4. PIAZZA BRUNELLESCHI
Sarà il nuovo foyer di questo “teatro a cielo aperto”. Per la prima volta gli organizzatori del festival decidono di recuperare e mettere in atto un nuovo progetto di utilizzo delle aree adiacenti a Piazza SS. Annunziata. Questo permetterà di privilegiare un nuovo spazio della città, negli ultimi anni fin troppo dimenticato e purtroppo trascurato, per ospitare dei concerti ad ingresso gratuito dal 13 al 23 luglio dalle ore 19.30 alle ore 21.00. Sarà allestito un palco per una session di diversi generi musicali, una rassegna dal titolo “Musica dal mondo” che anticipa i concerti in programma in Piazza SS. Annunziata. Inoltre, dalle ore 18.00 alle ore 22.30 circa sarà attivo uno spazio bar.5. 33 GIRI – ITALIAN MASTERS
Dopo il successo dell’anno passato, tornano i documentari tratti dalla serie “33 Giri – Italian Masters”, in collaborazione con Sky Arte. Dal 15 al 23 luglio (escluso domenica 21) alle 20 e alle 21 – Chiostro di Levante in piazza Brunelleschi. Tutti gli incontri sono a ingresso libero.


6. PROGRAMMA D’AUTORE
Un programma di sala, quello di Musart, che oltre a dettagliate informazioni su spettacoli e iniziative, si caratterizza per scritti inediti di protagonisti della scena culturale fiorentina e toscana. Dopo Sandro Veronesi, Stefano Massini, Marco Vichi, Federico Tiezzi e molti altri, quest’anno Sergio Bustric per Nicola Piovani, Pietro Grossi per Francesco De Gregori, Antonio Natali per Rock The Opera, Lapo Pistelli per Steve Hackett, Petra Magoni per Caetano Veloso, Stefano Corsi e Giulia Lorimer per Loreena McKennitt, Edoardo Rialti, traduttore di G.R.R. Martin, per Il gran concerto della barriera – Game of Thrones Tribute e Fabio Morgera per Perigeo.7. CONCERTO ALL’ALBA
E’ uno degli appuntamenti che contraddistingue il festival. Quest’anno, dopo i pianisti e compositori Remo Anzovino, Cesare Picco e Roberto Cacciapaglia, sarà Danilo Rea il protagonista del concerto alle prime luci dell’alba, mercoledì 24 luglio (ore 4.45), nel Cortile degli Uomini dell’Istituto degli Innocenti. Studi classici, rock e pop influenzano la sua formazione e convergono attraverso il jazz, la sua vera passione, in uno stile inconfondibile e unico composto di due ingredienti fondamentali: melodia e improvvisazione. I suoi concerti di piano solo che spaziano su qualsiasi repertorio, conquistano le platee di tutto il mondo.  Il primo jazzista ad avere un concerto di piano solo alla sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica (nel 2003), nel 2006 è stato protagonista di un memorabile concerto al Guggenheim Museum di New York.

8. BECAUSE THE NIGHT
Immancabile la mostra fotografica “Because the night”, dagli archivi di Press Photo, Tania Bucci e Marco Borrelli, dedicata ai grandi concerti del passato. Curata dal giovane regista Edoardo Zucchetti, all’interno degli spazi espositivi dell’Istituto degli Innocenti, quest’anno sarà ospitata da due sale, con ingresso dal bookshop del Museo. La mostra ripercorre una nuova decade dei grandi eventi che si sono svolti a Firenze dal 1999 al 2009. L’iniziativa intende offrire un altro nuovo tassello per la ricostruzione di una memoria collettiva della città, che grazie ai numerosi appuntamenti con gli spettacoli realizzati nel corso degli anni hanno fatto diventare Firenze una delle piazze più interessanti per qualità, quantità e varietà di proposte (dal 13 al 23 luglio durante l’orario di apertura del Museo).

9. PORTONI APERTI: VISITE GUIDATE AI LUOGHI D’ARTE

Prima dei live in piazza SS. Annunziata si potranno visitare gratuitamente giardini, luoghi di culto e palazzi monumentali. Portoni aperti per scoprire i luoghi d’arte adiacenti alla piazza, scrigni di preziosa bellezza: la Basilica di Santissima Annunziata, la Mensa della Caritas di San Francesco, il Giardino del Museo Archeologico, i Cortili dell’Istituto degli Innocenti, la Chiesa di San Francesco Poverino, la Biblioteca Umanistica della Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze, il Museo dell’Istituto Geografico Militare e, fra le novità di questa edizione, l’Accademia di Belle Arti di Firenze. 

Biglietti disponibili nei punti vendita di Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804) e online suwww.ticketone.it. 

Promozioni speciali: ai possessori del biglietto di uno dei concerti in programma sarà possibile accedere con biglietto ridotto al Museo degli Innocenti, al Museo Archeologico, alle mostre di Palazzo Strozzi, a Villa Bardini (ingresso a 5 euro per visita alla villa, al giardino e alla mostra su Isadora Duncan). 

Inoltre, grazie alla Fondazione CR Firenze, i possessori di un biglietto per la mostra su Isadora Duncan avranno diritto ad uno sconto per alcuni dei concerti del Musart Festival.

Sono disponibili biglietti Gold Package che al biglietto di primo settore abbinano ingresso dedicato, visita guidata ai luoghi d’arte, area hospitality, cena al Caffè del Verone, carnet di omaggi e riduzioni per mostre e musei. 

Musart Festival 2019 è prodotto da associazione culturale Musart in co-organizzazione con Istituto degli Innocenti. È realizzato con il contributo di Comune di Firenze/Estate Fiorentina, Città Metropolitana di Firenze, Toscana Promozione Turistica, Fondazione CR Firenze. E’ sostenuto da Toscana Aeroporti, Publiacqua, Unicredit, Firenze Parcheggi, Unicoop Firenze, Findomestic, Sammontana, Ruffino, Prinz, Birra Messina. Media partners Sky Arte e Radio Capital. Si avvale dei partners Trenitalia, Destination Florence. In collaborazione con Istituto Geografico Italiano e Università degli Studi di Firenze.

Background Estate Fiorentina
Illustrazione Estate Fiorentina Footer