Nancy Burson al Museo Marino Marini

Posted on

NANCY BURSON
MUSEO MARINO MARINI, Firenze
14 ->23 settembre
Inaugurazione 13 settembre | dalle 18.30 alle 20.30

In occasione di Firenze Suona Contemporanea2019Il Giardino Monocromatico, festival diretto da Andrea Cavallari, il Museo Marino Marini ospita, dal 14 al 23 settembre, l’artista americana Nancy Burson, con alcuni lavori inediti e un’installazione sensoriale.

Nancy Burson è conosciuta per il suo lavoro pionieristico nelle tecnologie del morphing facciale e per lo sviluppo di una metodologia per la ricerca di bambini e adulti scomparsi, ancora oggi utilizzata dalle forze dell’ordine americane. La sua Human Race Machine, che consente di visualizzare il proprio volto con le caratteristiche somatiche di etnie diverse, viene utilizzata nelle scuole americane come strumento di educazione alla diversità. I suoi lavori si trovano nelle collezioni dei principali musei di tutto il mondo e sono stati spesso utilizzati come potenti strumenti di commento politico, come mostra la nota copertina della rivista Time del 2018: nancyburson.com/trump-images-2015-2018/.

Al Museo Marino Marini di Firenze, sarà esposta la scultura in vetro dal titolo DNA HAS NO COLOR(presentata nei giorni precedenti, dal 7 al 12 settembre, alla Manifattura Tabacchi), insieme a tre videoproiezioni e un’installazione esperienziale, Perpetual Mary, che consente agli spettatori di vedere e visualizzare l’energia che si muove attorno a una piccola statuetta della Madonna. È la prima volta che l’artista espone Perpetual Mary in un contesto museale. Per coloro che non sono in grado di partecipare, l’artista ha messo a disposizione un’immagine al link del sito del Museo Marino Marini.

Negli ultimi vent’anni, Burson ha sviluppato la capacità di vedere l’energia che ci circonda e ha dedicato parte della sua pratica artistica a mostrare agli altri come vedere ciò che fa.

 

Le opere esposte

DNA HAS NO COLOR, a sculpture, 2019
Gli scienziati descrivono il DNA come traslucido, anche se a volte può apparire biancastro a causa delle impurità nei campioni. La razza è un costrutto sociale. Siamo tutti una razza, quella umana, e tutto il DNA umano è incolore. L’opera è stata prodotta con il contributo della Fondazione Berengo e realizzata presso lo Studio Berengo di Venezia, nel mese di luglio 2019.

Love Above All Else, Video
Il video Love Above All Else è una proiezione creata dalla ripetizione della parola Love (o I love you), mentre entrambe le mani, destra e sinistra, la stanno scrivendo, esercizio che di solito viene fatto per il bilanciamento del cervello. Sullo sfondo di questa immagine l’artista ne ha collocate altre che mostrano l’opposto dell’amore, sotto forma di quattordici fotografie che simboleggiano guerra, razzismo, povertà, malattia, terrorismo, riscaldamento globale, sparatorie di massa, pulizia etnica, rifugiati sfollati, uragani, incendi, conflitti religiosi, separazioni familiari e carestia. Tutte insieme vanno a creare un’immagine dirompente e apocalittica che è stata schiarita per essere appena percepibile sotto i segni ben visibili tracciati dalle mani, come se la totalità di tutta la sofferenza umana stesse scomparendo. Concettualmente, il lampo dell’immagine – che è quasi invisibile – rappresenta il potere dell’amore di trasmutare tutta quella negatività. Love Above All Elserappresenta, simbolicamente, la vibrazione dell’amore trionfante sull’attuale malessere della Terra.­­­­­­

The Energy of a Drawing in UV Light, proiezione video
Questo video ha registrato l’energia su un disegno realizzato con due bastoncini di grafite (uno per ogni mano) insieme a una sostanza di “origine sconosciuta”. “Qualcosa che ho visto – dice Nancy Burson – come una forma di luce liquida è stato aggiunto alla carta, scomparendo all’istante. Gli scienziati non sono ancora stati in grado di identificarne le proprietà. Credo che la misteriosa forma di luce, usata per creare i disegni, ci inibisce in modo da non farci vedere l’energia che si muove intorno ad essi.”

Pertpetual Maryun’installazione esperienzale
Perpetual Mary è una piccola statuina della Madonna luminescente al buio, questa figurina è un tramite per vedere e sentire l’energia intorno a lei. Per molti osservatori, Mary sembra muoversi sostenuta dall’energia nella stanza. Gli spettatori che la guardano nell’oscurità spesso percepiscono diverse varianti di energia, sotto forma di luce, durante i loro 20 minuti al buio con lei. È un miracolo vederla muoversi o è miracoloso vedere l’energia intorno a lei? I visitatori stessi potranno decidere.

Il Museo Marino Marini si trova in una ex chiesa ed è stato nel 15° secolo un monastero per suore.Perpetual Mary sarà istallata nella cripta sotto al museo, dove sono raccolti alcuni resti delle suore. La Madre Mary per moltissimi secoli ha rappresentato simbolicamente un certo aspetto del femminile, continuando tutt’oggi ad essere una figura estremamente venerata in tutto il mondo. L’installazione sarà accompagnata dalla musica di due compositrici del 17° secolo.

Per prenotare una visita di 20 minuti all’installazione Perpetual Mary, contattare il Museo

NANCY BURSON

Acclamata artista e fotografa, le opere di Nancy Burson sono esposte in musei e gallerie a livello internazionale. “Seeing and Believing”, la sua retrospettiva itinerante del 2002 originaria della Grey Art Gallery, è stata nominata per il miglior spettacolo del festival del museo di New York dall’associazione internazionale dei critici d’arte. Ha lavorato come visiting professor ad Harvard ed è stata membro della facoltà di fotografia a contratto presso la Tisch School of the Arts della New York University per cinque anni. Attualmente Burson seleziona gli eventi e recensisce i portfolio per il Dipartimento di fotografia della New York Film Academy di New York. Nancy Burson combina arte e innovazione in un modo che ha sfidato la “verità fotografica” prima della nascita della manipolazione digitale. È meglio conosciuta per il suo lavoro pioneristico nelle tecnologie di morphing che invecchiano il volto umano e consentono comunque ai funzionari delle forze dell’ordine di individuare i bambini e gli adulti scomparsi. La sua Human Race Machine è ancora utilizzata come strumento di diversità educativa che fornisce agli spettatori la profonda esperienza visiva di far parte di un’altra razza. Il suo lavoro è esposto nei musei di tutto il mondo tra cui il MoMA, il Metropolitan Museum e il Whitney Museum di New York City, così come il Victoria and Albert Museum di Londra, il Centre Georges Pompidou a Parigi, LA County Museum of Art, MoMA ( San Francisco), il Museum of Fine Arts di Houston e lo Smithsonian Museum di Washington DC, così come molti altri. Ha collaborato con Creative Time, Lower Manhattan Cultural Council e Deutsche Bank nel completamento di importanti progetti di arte pubblica a New York. Questi progetti includono il progetto poster “Visualize This” (Creative Time, 1991), il cartellone “There’s No Gene For Race” (2000), il progetto poster / cartolina “Focus on Peace”, commissionato per il primo anniversario dell’11 settembre, e “Looking Up” e “Truth”, al 60 Wall St. Atrium, 2005. Negli ultimi anni, le opere di Burson sono state esposte come opere proiettate sia nel Festival della Luce di Berlino che nel Nuovo Festival della Luce di York. Una delle immagini di Burson è stata scelta per il libro di Time Magazine: 100 fotografie, le immagini più influenti di tutti i tempi. Il suo lavoro è stato presentato in tutte le forme di media tra cui segmenti su Oprah, Good Morning America, CNN, National Public Radio, PBS e Fuji TV News, oltre a innumerevoli segmenti TV locali negli Stati Uniti, in Canada e in Europa. Gli articoli di spicco del suo lavoro sono apparsi su The New York Times Magazine, The New York Times, The Baltimore Sun, The Houston Chronicle e Scientific American Magazine per nominarne alcuni. Ci sono quattro monografie del suo lavoro e riproduzioni di esso compaiono in centinaia di cataloghi d’arte. È anche ampiamente presente nei libri di testo sulla storia della fotografia pubblicati in tutte le lingue. Burson ha ricevuto sovvenzioni dalla NEA, dalla National Science Foundation, da Anonymous Was A Woman, dalla Peter Reed Foundation e da CAST (Collaborations in Art, Science and Technology). I nuovi concetti e design di Burson, TogetherAllOne, promuovono il concetto di unità globale e comprendono tutto, dai libri per bambini interattivi alle installazioni di illuminazione proiettate e sculture pubbliche. La sua fotografia d’arte è disponibile attraverso la ClampArt Gallery di New York, la Rose Gallery di Los Angeles e la Paci Contemporary di Brescia.

Il MUSEO MARINO MARINI è aperto sabato, domenica e lunedì dalle 10.00 alle 19.00.
L’artista sarà presente dal 13 al 16 settembre.
L’installazione Perpetual Mary sarà visibile per un massimo di 20 persone, ogni 30 minuti a partire dalle 10.30 con ultimo accesso alle 18.00.
Per ulteriori informazioni: tel. 055 611299
festival@firenzesuonacontemporanea.it / segreteria@museomarinomarini.it 

Flower al Piazzale. Il Programma di Agosto

Posted on

Flower al Piazzale, un mese in jazz: tutti i concerti di agosto sulla terrazza con vista su Firenze

Giovani musicisti e nomi affermati del panorama cittadino si alternano sul palco del piazzale Michelangelo: performance live ogni sera dal tramonto al dopo cena

Si comincia sabato 3 agosto con il debutto di Esher Quintet

Entra nel vivo la rassegna Visioni Jazz al Flower al Piazzale: ogni sera del mese di agosto giovani musicisti e nomi affermati del panorama cittadino si alterneranno sul palco con vista su Firenze, al piazzale Michelangelo. Primo set ore 19.30-20.30, secondo set ore 21.30-22.30, con la possibilità (e l’invito) a partecipare direttamente alla jam session da parte del pubblico. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

Sabato 3 agosto con Esher Quintet, quintetto jazz d’avanguardia che suona brani inediti scritti ad hoc per l’ensemble da alcuni importanti nomi dell’area jazz fiorentina e oltre. Sul palco tra gli altri Franco Baggiani alla tromba, Gianni Zei alla chitarra e Stefano Negri al sax. Si tratta della prima uscita del quintetto, che debutta al Flower al Piazzale.

Domenica 4 arriva l’ensemble Sunflower, in cui spicca la voce di Bianca de Astis, che vanta collaborazioni con Zucchero, Irene Grandi e Roy Paci. Il repertorio spazia dai classici funk internazionali alle perle della musica italiana rivisitata in chiave jazz.

Lunedì 5 agosto sarà la volta dello Speakeasy Trio: voce (Luciana Capasso), chitarra (Luigi Gallucci) e contrabbasso (Michele Staino) per un repertorio che fa suo l’eco della grande tradizione americana. Un viaggio fatto di swing, blues e bossanova, rivissuti in un’interpretazione intima e calda.

Martedì 6 agosto in programma Claudia Valastro alla voce e Giovanni Cifariello alla chitarra accompagneranno la serata del Flower con bossanova e classici della musica brasiliana, per qualche ora di musica latina d’autore.

Mercoledì 7 agosto in scena il trio Allulli Bonamico Barsanti: composizioni originali, scritte ed arrangiate a sei mani, caratterizzate da un suono moderno ed ampio, oltre a rivisitazioni di standard jazz. Le sperimentazioni e la ricerca espressiva di questa formazione nascono dalle esperienze in diversi ambiti musicali dei singoli componenti.

Giovedì 8 agosto si terrà il primo degli appuntamenti di Tarabaralla, rassegna di stornelli fiorentini con ospiti a sorpresa, spettacolo che ripercorre la storia dei canti popolari della tradizione toscana dal Medioevo, al Rinascimento, fino alla canzone d’autore di Odoardo Spadaro, passando per i canti di lavoro di fine Ottocento. In programma anche giovedì 15 e venerdì 16 agosto, a partire dalle ore 19.30.

Venerdì 9 agosto torna la musica con il Francesco Gabrielli Quartet. Francesco Gabrielli propone composizioni che rappresentano vere e proprie riflessioni sul mondo che lo circonda tradotto in musica: i suoi brani raccontano storie vissute, fatti o persone che hanno catturato la sua attenzione spingendolo a trasmetterne l’essenza.

Per tutta la stagione Flower al Piazzale offrirà un menu 100% toscano, sia sul fronte del food che su quello di vino e liquori, anche ad uso mixology, privilegiando prodotti Dop e Igp rappresentativi delle eccellenze toscane. Sul menu: crostoni, taglieri di salumi e formaggi, maxi insalate, centrifughe rinfrescanti e – per la prima volta – pizza, con impasto a lunga levitazione.

La programmazione musicale prosegue per tutto il mese di agosto, con gli stessi orari.

Sabato 10 agosto – Neuma Trio. Il gruppo nasce da un profondo legame di amicizia tra i tre musicisti che si confrontano attraverso la particolare ma efficace formazione del trio con tastiere, batteria e sassofono, scoprendo le infinite possibilità timbriche dei tre strumenti in un’esibizione piena di ritmo, affiatamento e improvvisazione. Grazie alla versatilità dei tre componenti il repertorio spazierà dalle sonorità del jazz e a quelle del funky, creando uno spettacolo ricco di colpi di scena con repentini cambiamenti di carattere, genere e forma.

Domenica 11 agostoVariations Trio – Il progetto nasce con l’idea di rinnovare i grandi classici del jazz e non solo. Grazie all’orchestrazione del maestro Ian Da Preda (allo xylosynth), sonorità più classiche si incontrano con la modernità degli strumenti elettronici creando un sound particolare e innovativo. Matteo Zecchi al sassofono e Francesco Lazzeri alla batteria completano un trio il cui repertorio varia dagli standard jazz più classici, al blues e al funky.

Lunedì 12 agosto  The Roost Trio nasce nel Maggio 2019 a Firenze e vede come formazione Bernardo Sacconi (basso elettrico), Francesco Lazzeri (batteria) e Carlo Piparo (chitarra e voce). La formazione che il trio propone è delle più classiche, traendo ispirazione dalle grandissime esperienze musicali di Jimi Hendrix Experience, SRV and the Double Trouble e dal recentissimo John Mayer Trio. Tutto rivisitato in chiave unplugged appositamente per Flower.

Martedì 13 agostoPERFIDIA, Tradición Latina Viva! – Da un famoso bolero degli anni ’30 prende nome un ormai ben noto gruppo di “soneros” fiorentini, la cui caratteristica è l’intreccio melodico delle voci e degli strumenti teso a ricreare l’atmosfera intensa del bolero, del son, e della musica latinoamericana, in particolare di quella cubana della “vieja trova”, sulla scia di Compay Segundo e del Buenavista Social Club. Fedele interprete di questa generosa tradizione musicale, Perfidia si è ormai imposto come uno dei migliori gruppi del genere presenti oggi in Italia.

Mercoledì 14 agosto Leo Boni Da Louis Armstrong a Ray Charles con toscanismi originali lo show è sempre divertente, ballabile e di alta qualità. Sia solo che accompagnato il mix di Swing, Blues, Rock & Roll, Funk Soul è apprezzato da svariato tipo di pubblico e si presta ottimamente sia nell’intimo di un salotto che su coinvolgenti palchi mondiali.

Giovedì 15 agostoTarabaralla, rassegna di Stornelli Fiorentini – spettacolo che ripercorre la storia dei canti popolari della tradizione toscana dal medioevo, al rinascimento, ai canti di lavoro di fine Ottocento, fino alla canzone d’autore di Odoardo Spadaro. Ospite speciale: Alessandro Giobby e friends.

Venerdì 16 agosto – Tarabaralla, rassegna di Stornelli Fiorentini – spettacolo che ripercorre la storia dei canti popolari della tradizione toscana dal medioevo, al rinascimento, ai canti di lavoro di fine Ottocento, fino alla canzone d’autore di Odoardo Spadaro. Ospite speciale: Menestrello Beltrando Mugnai (Premio Ponte Vecchio).

Sabato 17 agosto – Bernardo Sacconi Trio – band dalle sonorita funky e fusion attraverso un connubio di suoni elettrici e timbri moderni sfruttando la versatilità dei componenti, il repertorio spazia da brani originali a paesaggi sonori d’avanguardia sperimentali senza dimenticare la tradizione.

Domenica 18 agostoClaudia Valastro & Giovanni Cifariello – duo di professionisti della musica latina: la musica popolare brasiliana ma non solo porta a questo nuovo incontro due musicisti dalla consolidata esperienza dove le inclinazioni si mostrano senza preoccupazioni di stile lasciando alla sola sensibilità musicale il compito di delineare I ruoli di accompagnatore e solista per una serata di musica d’autore latin.

Lunedì 19 agosto – Sunflower – propongono un repertorio studiato per soddisfare tutti, dai classici funk internazionali fino alle perle della musica italiana rivisitate in chiave jazz. Spicca la voce di Bianca de Astis, turnista corista che vanta collaborazioni con Zucchero, Irene Grandi e Roy Paci.

Martedì 20 agostoFORA DA ORDEM – in brasiliano significa “fuori dai canoni”: omaggio al Brasile, alla sua molteplicità, alla sua intensità, alla sua poesia. Antonio Carlos Jobim, Vinicius de Morais, Carlos Lyra, Caetano Veloso, Marcos Valle, Gilberto Gil, Chico Buarque de Hollanda, Jorge Ben Jor, Djavan, Tribalistas.

Mercoledì 21 agosto – Florence Funky Federation – progetto creato da un idea di Freddie Villarosa, Dj producer. Gruppo di musica aperta estemporanea. Tiziano Fantappié, in arte Tizy Fantappizy, alla chitarra elettrica, Jacopo Perra alle tastiere.

Giovedì 22 agosto – Talking Ties – Lo spettacolo dei Talking Ties è frizzante e divertente, mira ad avvicinare il grande pubblico alla musica swing, attraverso una dinamicità personale e un repertorio che comprende sottogeneri della black music come il Ragtime, il Gospel e il Boogie Woogie. Il repertorio comprende composizioni di grandi classici come Duke Ellington, Count Basie e standard americani cantati da Nat “King” Cole, Frank Sinatra e Louis Armstrong.

Venerdì 23 agosto – Groove JazzSet, Lorenzo Nardi e Romano Pratesi – Il Duo nasce da una collaborazione e da un “empatia” artistica che abita ormai i due artisti da molti anni. Numerose le esperienze di live condivise da Nardi e Pratesi, che in questo ultimo e interessante progetto vedono realizzare e concretizzare un nuovo e fresco progetto di ricerca elettro-acustica. Questo connubio elettro-acustico rende il progetto di una originalità unica nel suo genere. Il repertorio è composto da brani originali di Stroboman Lorenzo Nardi arrangiati insieme a Pratesi.

Sabato 24 agostoLeo Boni e I Coguari Di Cinta feat. Cris Pacini – Il BLACK GUITAR SOUL è radicato nel arcaico Blues di Blind Jefferson Lemmon, con intelligenti riflessioni pre-jazz ala Lonnie Johnson e colorato di Swing ispirato da Django Reinhardt.

Domenica 25 agostoDr. Jobby e Emi Blues – Suoni un po’ africani, un po’ latini e un po’ europei danno vita al “Mardi gras” il giorno più “magico” del carnevale di New Orleans. In questo vivacissimo clima si inserisce il repertorio di Dr. Jobby alias Alessandro Giobbi, che in veste di pianista blues ha collaborato con vari artisti, fra i quali: James Thompson, Eric “Two scoops” Moore, Sax Gordon, Guitar Crasher. Al pianoforte e alla voce di Alessandro Giobbi si aggiungono un chitarrista o un percussionista, a seconda delle esigenze. Questa è la volta di Emi Blues, chitarrista dell’area pistoiese.

Lunedì 26 agosto – Jo Latin – Serata all’insegna dei ritmi latini e della bossanova proposto  dall’affiatato duo formato dal chitarrista fiorentino Giovanni Cifariello e dal contrabbassista Filippo Pedol: largo spazio all’improvvisazione e a una ritmica a volte quasi tribale per rievocare luoghi e sentimenti lontani nello spazio e nel tempo. La musica del duo diventa ironica, suadente, tristissima o gioiosa di volta in volta seguendo l’ispirazione del momento con accenni colti e movenze popolari, proposte e risposte musicali che valorizzando l’interplay fra i due musicisti danno un carattere originale e talvolta inatteso alla performance.

Martedì 27 agosto – Speakeasy Trio – Voce (Luciana Capasso), chitarra (Luigi Gallucci) e contrabbasso (Michele Staino) per un repertorio che fa suo l’eco della grande tradizione americana. Un viaggio fatto di swing, blues e bossanova, rivissuti in un’interpretazione intima e calda.

Mercoledì 28 agosto – Negri – Cifariello – L’affiatato duo fiorentino propone una serata all’insegna del gusto per il bel suono, delle atmosfere ‘Jazzy’ e del raffinato interplay che si può apprezzare durante tutta la performance fra improvvisazioni melodiche e ritmiche, provocazioni e risposte agli stimoli che di volta in volta vengono attivati dai due poliedrici musicisti.

Giovedì 29 agostoLucrezia Von Berger – Il progetto nasce dal rapporto voce-strumento e si sviluppa confrontandosi in modo personale e originale con pietre miliari del pop, del rock, passando per i territori del soul e del jazz. Spaziando tra autori apparentemente lontani come Police, Stevie Wonder, Beatles e Billie Holiday il repertorio ricerca la natura più intima e sofisticata della forma canzone.

Venerdì 30 agostoCosimo Marchese Trio – Non solo swing. Prime uscite del nuovo trio del batterista Cosimo Marchese che propone uno swing accattivante, in linea con una tradizione delle sei corde che vede il suo massimo epigone nel grande Wes Montgomery. Ma il trio non disdegna,
Soprattutto nei brani originali proposti, una strizzata d’occhio alle nuove tendenze del jazz moderno. Standards dal repertorio tradizionale e brani originali si alternano nella performance che mostra Monk, Duke Ellington e Coltrane come riferimenti non palesati ma sempre presenti nel modo di esprimere musica della band.

Sabato 31 agosto Isola D’ambra – Giuliano Franco Ochipinti (voce) conduce un viaggio musicale attraverso un repertorio vario, sostenuto dall’accompagnamento chitarristico di Thomas Van Bogaert. Il duo porta con sé arrangiamenti di musica popolare latino/jazz, unici nel loro genere lirico e sottile. Un collage di canzoni che fanno parte delle loro esplorazioni come artisti e grandi amici, in una serata accogliente e commovente. Il duo si propone di raccontare una storia attraverso diversi stili musicali in lingue diverse. L’aspetto interculturale del duo affonda le radici in Paraguay (paese d’origine di Ochipinti), Belgio (luogo natale di Van Bogaert) e Italia, dove i due musicisti si sono incontrati e hanno cominciato a collaborare.

“ART in progress” è un’Associazione senza scopi di lucro che ha tra i suoi obiettivi la creazione di progetti per il tempo libero e per l’intrattenimento, ideati di volta in volta tenendo conto delle realtà sociali e culturali dei territori con i quali intende interagire.

Flower è l’acronimo del motto che abbiamo scelto per il progetto: For living on a wonderful ecological resource. L’idea è di poter vivere un’esperienza in un ambiente che tiene conto delle sue potenzialità naturali nel rispetto dell’ambiente stesso. Ecologia intesa non solo in riferimento alla natura, ma anche al modo di viverla, partecipando insieme delle sue possibilità nel rispetto delle diversità sociali e culturali.

Anconella Garden: Programmazione Agosto 2019

Posted on

Ecco tutta la programmazione del mese di Agosto dell’Anconella Graden

Giovedì, 1 agosto (dal pomeriggio)
L’URAGANO DI FIRENZE 2015
Un raduno e una festa in ricordo del tragico accaduto che sconvolse il parco

Venerdì, 2 agosto ore 21.30
Concerto jazz d’autore NICOLA GENOVESE TRIO

Sabato, 3 agosto ore 21.30
Concerto a cura di FIRENZE SUONA

Mercoledì, 7 agosto ore 18.00
Yoga al Barchetto

Giovedì, 8 agosto ore 21.30
CINEMA
Rassegna su tema sport a cura dell’associazione ANEMIC
“Filmati d’epoca su Gino Bartali e il ciclismo”, a cura dell’Associazione Amici del Museo del Ciclismo “Gino Bartali”. Incontro con Maurizio Bresci dell’Associazione e Riccardo Chiari, giornalista de “Il Manifesto”.

Venerdì, 9 agosto ore 21.30
Concerto con CARMELINDO

Sabato, 10 agosto ore 19.30 – 22.00
Concerto ISTANT JAZZ con NOW

Domenica, 11 agosto ore 19.30 – 22.00
Concerto ASSOLO: PIANO APERITIVO + TARABARALLA

Martedì, agosto 13 ore 21.30
TEATRO L’AFFRATELLAMENTO

Mercoledì, 14 agosto  ore 18.00
Yoga al Barchetto

Giovedì, 15 agosto 
Festa di Ferragosto – festa a tema brasiliana dal pomeriggio

Venerdì, 16 agosto ore 21.30
Concerto jazz sperimentale con IPNOTIZE

Martedì, 20 agosto ore 19.30 – 22.00
Concerto ASSOLO: Loopguitar GIOVANNI CIFARIELLO

Mercoledì, 21 agosto ore 18.00
Yoga al Barchetto

Giovedì, 22 agosto ore 21.30
CINEMA ANEMIC
Rassegna su tema sport (titolo non ancora pervenuto)

Venerdì, 23 agosto ore 21.30
Concerto Spazio Jazz

Sabato, 24 agosto  ore 21.30
Concerto GROOVE JAZZ SET

Domenica, 25 agosto ore 21.30
Concerto LUCREZIA VON BERGER
Omaggio ai classici del rock

Martedì, 27 agosto ore 21.30
CINEMA ANEMIC
Rassegna su tema sport (titolo non ancora pervenuto)

Mercoledì, 28 agosto ore 18.00
Yoga al Barchetto

Giovedì, agosto 29 ore 21.30
Concerto PUNTI E CROME

Venerdì, agosto 30 ore 21.30
Concerto d’autore con Isola d’Ambra

Sabato, agosto 31 ore 21.30
Concerto Sintax Error duo

Tutti gli appuntamenti sono ad INGRESSO LIBERO

Caffè Letterario Le Murate: il programma di Agosto 2019

Posted on

Nella Galleria del Caffè Letterario:

L’ANIMA IN UNO SGUARDO. RITRATTI DI STREGHE AFRICANE – MOSTRA FOTOGRAFICA

Prorogata fino al 31 agosto

Le fotografie, scattate da Massimo Conti in Burkina Faso e Ghana e che ritraggono donne accusate di essere streghe, costituiscono l’occasione per riflettere sul fenomeno, diffuso e poco conosciuto, della persecuzione nel mondo di persone ‘diverse’ e ‘vulnerabili’ accusate di stregoneria e, più in generale, oltre che sulla condizione femminile, sulla discriminazione e sui capri espiatori che le nostre culture da sempre si sono date, e si danno, anche attraverso più o meno cruente ‘cacce alle streghe’.

GIOVEDÌ 01 AGOSTO

h 18:00 – Presentazione libro con Autori
MOLO 23
Di Carlotta Rondana

Albatros Editore
Sarà presente l’autrice
Modera: Samuel Alfani, regista
Letture di Camilla Pieri

“Molo 23” è la storia di un molo e dei molteplici personaggi che lo abitano – una coppia di anziani che si amano come il loro primo giorno, un’adolescente distratta, un professionista legato ai suoi successi e la sua algida moglie, una prostituta alle prime armi, un trans di epica bellezza e altri – tutti – seguiti nei loro gesti più minuti dall’occhio sensibile e attento dell’autrice. Uno sguardo che scava e rivela il vissuto emotivo dei personaggi, coinvolgendo chi legge in un sorprendente viaggio intorno all’animo umano.

SABATO 03 AGOSTO
h 21:00 – Concerto
TRASPOSIZIONI ACUSTICHE NELL’ARPA DI VIGGIANO

Massimo Duino | mandolino
Luca Bersaglieri | chitarra
Vincenzo Arvia | organetto diatonico
Marco Massari | percussioni

Viaggio acustico ancestrale nell’immaginario musicale lucano.

Massimo, Luca, Marco e Vincenzo in “Trasposizioni Acustiche Nell’Arpa di Viggiano”, raccontano il paesaggio sonoro di comunità rurali ‘in via di estinzione’ in cui, attraverso la musica, si celebra ‘il mito dell’oltre’. Le varietà timbriche e armoniche della musica lucana, regalano atmosfere semplici e complesse allo stesso tempo, storicizzando presenti liquidi, ed umanizzando luoghi dell’essere. Intorno al 1600, In questi luoghi della Basilicata, si pronunciarono celebri frasi, diventate ‘storie sonore’ e fiabe (G. Basile), che ancora riverberano nelle menti di chi le ha ascoltate e lette nel corso della sua infanzia. Le criptiche tematiche dello spettacolo sono: l’importanza del riferimento, la memoria, il bisogno di ‘appaesamento’ in luoghi, dove si arriva per forza, per piacere o perché costretti. L’assenza, l’abbandono dei luoghi, il repertorio dei suonatori Viggianesi itineranti, le piccole orchestrine stanziali, sono parte di questa sintesi musicale del lavoro dei quattro musicisti. Attraverso la musica lucana e i suoi archetipi, ci si immerge in simbologie mnemoniche dalle origini comunitarie condivise. Un’esperienza in cui la musica e le sue sonorità acustiche, fatte di accurate trasposizioni per chitarra classica, mandolino, chitarra battente, organetto diatonico percussioni e voce, testimoniano che nei pochi elementi che costituiscono ogni origine, sono irrilevanti le differenze che ci caratterizzano. In “Trasposizioni Acustiche Nell’Arpa di Viggiano” la musica si fa viaggio, sogno, partenza, assenza e labirinto dell’esistenza, le parole si perdono tra fiabe, miti, ninne nanne e tarantelle. Canti e musiche d’ amore e di festa. Una musica di frontiera che si colloca continuamente sul confine, se non altro per superarlo.

GIOVEDÌ 08 AGOSTO
h 21:00 Concerto
BOTTE DI COOL – SPEAK LOW

Dario Cecchini | sax baritono e soprano
Alessandro Fabbri | batteria
Fabio Morgera | cornetta e flicorno
Guido Zorn | contrabbasso

Botte di Cool nasce per volontà di tre noti jazzisti italiani, il trombettista Fabio Morgera, il baritonista Dario Cecchini e il batterista Alessandro Fabbri. Coadiuvati dal contrabbassista Guido Zorn ridanno linfa vitale a un tipo di musica che spopolò durante gli anni ’50 perché univa il mondo della musica afro-americana a quello della musica classica europea, cioè il Cool Jazz, con brani di Miles Davis, Gerry Mulligan, Chet Baker, Oliver Nelson, Lennie Tristano e altri ancora.

Con la presentazione del CD “Speak Low”, il quartetto “Botte di Cool” propone una rilettura dei classici del Cool Jazz, morbidamente interpretati da quattro italici maestri del Jazz.

“Il gruppo Botte di Cool non si limita al repertorio di Mulligan, che spazia qui dalle innovazioni con il nonetto di Miles Davis del 1948 al rivoluzionario quartetto pianoless con Chet Baker, ma esplora altri aspetti di quel fare musica rilassato, lievemente in posa, controllato e tranquillo che prende il nome di Cool Jazz. Ascoltare musicisti di questa levatura affrontare con amore e rigore la musica di Gerry Mulligan e dintorni ci dice che la conoscenza della storia è l’arma migliore per affrontare con lucidità le contraddizioni del presente.” (Dalle note di copertina di Stefano Zenni)

DOMENICA 25 AGOSTO
h 19.00 – Dj Set
BLOW-UP@CAFFÈ LETTERARIO HOUSE, GARAGE, DISCO! DJ PAOLO LOMBARDI
Nessun confine e nessuna catalogazione per il suo stile musicale anche se le sue radici House emergono in ogni suo dj-set.

MERCOLEDÌ 28 AGOSTO
h 21:00 Concerto
MARCO DI MAGGIO & MATTEO GIANNETTI DUO

Marco di Maggio |voce e chitarra
Matteo Giannetti | double bass

Rockabilly, R’n’R, Western Swing, Surf, Country, Swing, Blues, Fingerstyle. Marco Di Maggio è attualmente l’unico artista italiano eletto membro onorario della prestigiosa Rockabilly Hall of Fame americana. Riconosciuto e consacrato dalla stampa specializzata mondiale quale virtuoso della 6 corde, ha sempre dato vita a progetti mirati a enfatizzare i lati migliori di ogni stile musicale da lui interpretato. Il sound del Duo è travolgente, compatto ed essenziale, dove la chitarra di Marco spara note a velocità supersonica, sostenuta dall’incessante slap del contrabbassista Matteo Giannetti che produce un tappeto ritmico che sostituisce le percussioni. Il sound tipico del Rockabilly, del Country e del Blues delle origini veniva suonato in duo o in trio (vedi esempi eloquenti quali Elvis Presley e Johnny Cash) ed è estremamente interessante e sorprendente come, con l’abilita propria di questi due musicisti, un genere, che ad oggi ha compiuto quasi 60 anni, possa essere reinterpretato con tale efficacia ed attualità, se infatti sul palco sono presenti soltanto una chitarra e un contrabbasso, l’impatto sonoro è quello di una vera e propria band. Entrambi stimati insegnanti presso l’accademia Lizard di Fiesole e autori di metodi didattici, abbinano spesso ai concerti, degli stage dedicati alle varie tecniche chitarristiche e contrabbassistiche tipiche del genere. www.facebook.com/marco.d.maggio www.marcodimaggio.com

GIOVEDÌ 29 AGOSTO
h 21:00 – Concerto
ILAM

Con il suo crescente desiderio di condividere la sua espressione creativa con il mondo. Ha iniziato la sua carriera nel 2005 in un gruppo hip hop, Beneen Squad, ha registrato diverse canzoni; mixando suoni rap, acustici e tradizionali del Senegal. Formatosi alla National School of Fine Arts e al Conservatorio di Musica, ILAM inizia da subito una carriera da solista. Ha ricevuto diversi riconoscimenti. È stato calorosamente applaudito e premiato al “Vitrine des Musiques Locales Métissées”, un concorso e una vetrina di Montreal, ricevendo sia il premio di “Preferito del pubblico” che “Preferito di Équipe Spectra”. Ha partecipato

all’edizione 2015 del Francofolies Festival di Montreal, uno dei festival più frequentati di Montreal. Inoltre, nel mese di gennaio 2015, l’Arts Council di Montreal lo ha premiato per la

registrazione del suo primo demo in terra canadese, seguito dal Quebec’s Arts Council e dal supporto Musicaction per la registrazione del suo primo EP pubblicato a novembre 2015. A maggio 2016, Radio-Canada (CBC) lo ha scelto come “Rivelazione mondiale della musica 2016-2017”.

SABATO 31 AGOSTO
h 21:00 – Musica & danza
VOYAGES

Stefano Maurizi | piano
Davy Sür | percussioni
Special guest Gaia Scuderi | danza.

“Voyages” è un progetto di ricerca espressiva in continuo movimento verso nuove sonorità e possibilità melodiche su una linea di confine fra il jazz e la world music. Per la prima volta a Firenze il percussionista francese Davy Sür con il pianista fiorentino Stefano Maurizi presenteranno un inedito progetto in anteprima insieme alla danzatrice Gaia Scuderi. Un viaggio estemporaneo fra musica e danza basato su melodie tradizionali del Medio Oriente e improvvisazioni ispirate ai ritmi e alle sonorità dell’area mediterranea.

Stefano Maurizi. “Ha portato avanti in questi anni progetti che uniscono jazz, world music, passione per le immagini e il cinema. Il suo pianismo lirico e aperto all’esplorazione si colloca nello stile di tradizione europea, arricchito da un senso melodico tutto italiano”.

Davy Sür. “…è uno dei pochi batteristi in grado di navigare gli spazi aperti di questa musica. È riuscito ad estrarre il suono intrigante e delicato dei suoi strumenti”.

Gaia Scuderi. Inizia lo studio della danza nel 1981 seguendo corsi di danza classica, contemporanea e Graham presso la scuola Daria Collins. Viene considerata dalla critica una delle migliori soliste in Europa di danze orientali, capaci di interpretare il contemporaneo e mescolare altri generi e fonti d’ispirazione

Arriva Hortus Festival – Cantieri Culturali Isolotto

Posted on

HORTUS FESTIVAL – Cantieri Culturali Isolotto si svolgerà a Firenze dal 20 al 23 giugno 2019 in vari spazi del quartiere Isolotto.

Il Festival Isolotto_Cantieri Culturali, ideato da Virgilio Sieni per il Quartiere 4/Isolotto a Firenze, propone un ciclo inedito di pratiche, laboratori, esperienze itineranti, performance, residenze artistiche e contesti creativi, che si svolgeranno in una geografia di luoghi all’aperto, portando i cittadini a una percezione rinnovata del territorio.
Rispetto alle due precedenti, questa terza edizione si incentra fortemente sulla formazione e la trasmissione, accentuando le possibilità esplorative e di conoscenza offerte dai linguaggi democratici del corpo e della danza nei confronti dei contesti urbani. Gli spazi sotto le chiome degli alberi, i giardini, le piazze e gli slarghi ombreggiati, spazi verdi adiacenti a case, di fronte a negozi e mercati, biblioteche e fermate dei mezzi pubblici, andranno a formare una mappa di luoghi, agita da partecipanti di ogni età e studenti. Una tessitura che si realizza con le pratiche svolte all’aperto, in luoghi solitamente distaccati dalla frequentazione o dall’attenzione quotidiana: dettagli e interstizi del territorio, riferimenti inaspettati, diventano la trama di un diario fisico dell’Isolotto, per una percezione nuova e trasformante dei luoghi dell’abitare urbano. Tutti i percorsi di formazione e trasmissione, come le performance, saranno visibili a qualsiasi cittadino che si trovi nel quartiere, a formare una esperienza diffusa, di sensibilizzazione e coinvolgimento.

Ecco la programmazione completa del Festival :

Anteprima Festival

MARTEDÍ 18 GIUGNO

h.11.30                 Piazza dell’Isolotto

h.11.45>13:00     Itinerari da Piazza dell’Isolotto verso il quartiere

DANCE REPORTER – 5 performance itineranti. Esperienze itineranti nel territorio che il pubblico è invitato a seguire in luoghi sensibili all’aperto, dall’Isolotto Vecchio all’Argingrosso fino alla BiblioteCaNova

h.18.30                PIA Palazzina Indiano Arte – Parco delle Cascine   

COMUNITÀ DEL GESTO. IL LUOGO DEL CORPO

Alessandro Pontremoli – incontro

 

MERCOLEDI 19 GIUGNO

h.11.30                 Piazza dell’Isolotto

h.11.45>13:00     Itinerari da Piazza dell’Isolotto verso il quartiere

DANCE REPORTER  – 5 performance itineranti. Esperienze itineranti nel territorio che il pubblico è invitato a seguire in luoghi sensibili all’aperto, dall’Isolotto Vecchio all’Argingrosso fino alla BiblioteCaNova

h.17.00                Partenza Piazza dell’Isolotto (loggia mercato)

SOUNDRIDE ISOLOTTO – Percorso in bicicletta di ascolto e riflessione sul paesaggio sonoro a cura di Francesco Giomi / Tempo Reale

 

h.18:30               PIA Palazzina Indiano Arte – Parco delle Cascine      

BELLEZZA DI NATURA. PERCORSI TRA BIOLOGIA ED ESTETICA

Mariagrazia Portera_incontro

 

GIOVEDI 20 GIUGNO

DETTAGLI E SCOPERTE

 

h.11.30                  Piazza dell’Isolotto

h.11.45>13:00     Itinerari da Piazza dell’Isolotto verso il quartiere

 

DANCE REPORTER _5 performance itineranti

Esperienze itineranti nel territorio che il pubblico è invitato a seguire in luoghi sensibili all’aperto, dall’Isolotto Vecchio all’Argingrosso fino alla BiblioteCaNova

 

h.17:30                 Piazza dei Tigli – Galleria Isolotto  

IL GIARDINO: STORIE, MITI E SIMBOLI PER RACCONTARNE LA FILOSOFIA

Duccio Demetrio_incontro

 

h.19:00                Piazza dei Tigli    

INAUGURAZIONE FESTIVAL

LA BARCA BIANCA – Performance-sfilata

Viola Tortoli Bartoli

Musiche eseguite dal vivo da banda Fiati Sprecati

 

FRONTIERA – Performance/azione coreografica

Accademia sull’arte del gesto / Virgilio Sieni

Musiche eseguite dal vivo da banda Fiati Sprecati

.

h.19:30                Piazza dei Tigli / Viale dei Bambini

SULLA LEGGEREZZA 1 / Gruppo Porta Romana_performance

IMPREVEDIBILE 1 / Gruppo Cango_performance

ELEGIA TATTILE 1 / Katia Pagni_performance

TRA L’INCUDINE E IL MARTELLO 1 / Maya Oliva_performance          IL BEL RISCHIO 1 / Gruppo Tattile_performance

MAKING 1 / Improvisation group_performance

 

Musiche eseguite dal vivo da banda Fiati Sprecati

 

h.20:00                Piazza dei Tigli         

SOGLIA / Progetto Diario Tattile_performance

Giuseppe Comuniello/Delfina Stella

 

h.20:30                Spazio Area Melograni, viale dei Bambini         

LANDSCAPE n°619 / Claudia Catarzi/Spartaco Cortesi

Performance site specific musica e danza

prima assoluta

 

h.21:00 > 23:00  Galleria Isolotto e Giardino delle Erbacce, piazza dei Tigli

CANTO AL SILENZIO / Claudia Caldarano_performance

MEDITAZIONI E FIABE_piccola serra_performance site specific

FILM_proiezione

Funkamari_DJ set

 

VENERDÌ 21 GIUGNO

CAMMINARE OSSERVARE

h.11.30                   Piazza dell’Isolotto

h.11.45>13:00     Itinerari da Piazza dell’Isolotto verso il quartiere

DANCE REPORTER  – 5 performance itineranti. Esperienze itineranti nel territorio che il pubblico è invitato a seguire in luoghi sensibili all’aperto, dall’Isolotto Vecchio all’Argingrosso fino alla BiblioteCaNova

 

h.18:00                  Partenza Piazza dei Tigli > arrivo Piazzetta del Salice

A PIEDI NUDI / DANZE LIBERE_performance-sfilata

di Claudia Caldarano.

Con giovanissime danzatrici.

Musiche eseguite dal vivo da banda Fiati Sprecati,

Naomi Berrill (violoncello)

 

LA BARCA BIANCA_performance-sfilata

Viola Tortoli Bartoli

Musiche eseguite dal vivo da banda Fiati Sprecati

 

h 18.30                Piazzetta del Salice

FRONTIERA – Performance/azione coreografica

Accademia sull’arte del gesto / Virgilio Sieni

Musiche eseguite dal vivo da banda Fiati Sprecati

 

RITRATTO_performance

Accademia di Belle Arti di Firenze e Accademia sull’arte del gesto / Virgilio Sieni

musiche eseguite dal vivo da bandaFiati Sprecati

 

h.19:30

LA GIOIA DELL’OMBRA prima parte

Performance/azione coreografica

Accademia sull’arte del gesto / Virgilio Sieni

SULLA LEGGEREZZA 2 / Gruppo Porta Romana (performance)

LA GIOIA DELL’OMBRA seconda parte

Performance/azione coreografica

Accademia sull’arte del gesto / Virgilio Sieni

MAKING 2 / Improvisation group (performance)

LA GIOIA DELL’OMBRA terza parte performance/azione coreografica

Accademia sull’arte del gesto / Virgilio Sieni

Musiche eseguite dal vivo da Simsa P(trio di fiati)

 

h.20:00                Via Torcicoda (benzinaio)       

OMBRA TATTILE / Progetto Diario Tattile_performance

Giuseppe Comuniello/Delfina Stella

 

h.20:30                Spazio Area Melograni, via dei Melograni, viale dei Bambini

LA TENEREZZA DELLE CHIOME / Gruppo Tattile (performance)

Musiche eseguite dal vivo da Simsa P (trio di fiati)

prima assoluta

 

AGAVE / Katia Pagni (performance)

Musiche eseguite dal vivo da Aran e Nora Spingoli (arpe)

Scuola di Musica di Fiesole

prima assoluta

 

L’ATTESA / Maya Oliva (performance)

Musiche eseguite dal vivo da Aran e Nora Spingoli (arpe)

Scuola di Musica di Fiesole

prima assoluta

 

h.21:00 > 23:00                Galleria Isolotto e Giardino delle Erbacce, Piazza dei Tigli  

CANTO AL SILENZIO / Claudia Caldarano_performance

MEDITAZIONI E FIABE_piccola serra_performance site specific

FILM_proiezione

Funkamari_DJ set

 

SABATO 22 GIUGNO

LUOGHI SILENZIOSI

h.11.30                    Piazza dell’Isolotto

h. 11.45>13:00      Itinerari da Piazza dell’Isolotto verso il quartiere

DANCE REPORTER – 5 performance itineranti. Esperienze itineranti nel territorio che il pubblico è invitato a seguire in luoghi sensibili all’aperto, dall’Isolotto Vecchio all’Argingrosso fino alla BiblioteCaNova

Punto Lettura “Luciano Gori”, via degli Abeti 3

h.17:30 LABORATORI PER GENITORI E FIGLI

A PIEDI NUDI / DANZE LIBERE ( performance – sfilata)

h.18:30 di Claudia Caldarano
Con giovanissime danzatrici.
Musiche eseguite dal vivo da Naomi Berrill (violoncello)

h.19:00                Piazza dell’Isolotto

CALORE / Progetto Diario Tattile_performance

Giuseppe Comuniello/Delfina Stella

 

h.19:30                Ritrovo Piazza dell’Isolotto (loggia mercato)

SULLA LEGGEREZZA 3 / Gruppo Porta Romana_performance

IMPREVEDIBILE 2 / Gruppo Cango_performance
ELEGIA TATTILE 2 / Katia Pagni_performance
TRA L’INCUDINE E IL MARTELLO 2 / Maya Oliva_performance
IL BEL RISCHIO 2 / Gruppo Tattile_performance
MAKING 3 / Improvisation group_performance

 

h.20:30                Spazio Area Melograni – Viale dei Bambini

IN A LARGE OPEN SPACE

Cristina Kristal Rizzo/Tempo Reale Electroacoustic Ensemble
Performance site specific musica e danza
prima assoluta

 

Galleria Isolotto e Giardino delle Erbacce, piazza dei Tigli

h.21:00                Galleria Isolotto e Giardino delle Erbacce, Piazza dei Tigli

h.23:00 DANZE FOLK  ( performance-lezione )
Con la partecipazione di BalBurrasca e la conduzione di Virgilio Sieni e Giulia Mureddu
CANTO AL SILENZIO / Claudia Caldarano_performance
MEDITAZIONI E FIABE_piccola serra_performance site specific
FILM_proiezione
Funkamari_DJ set

 

 

DOMENICA 23 GIUGNO

BALLO POPOLARE

h.10:30                Piazza dell’Isolotto 

BALLO POPOLARE ( performance- lezione )

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare. Danza collettiva guidata da Virgilio Sieni e costruita sul momento attraverso indicazioni primarie sui gesti semplici che ci formano come individui: camminare, piegare un braccio, lasciare il peso di un arto, guardare al nostro fianco, chinarsi, aprire la mano. Un materiale di movimenti che ciascun partecipante gestirà secondo le proprie capacità e che dara vita a un gioco di ripetizioni. Ballo Popolare invita i cittadini e i performer di ogni età, origine ed estrazione sociale a partecipare a un ballo sostenuto musicalmente dalla banda Fiati Sprecati.
Musiche eseguite dal vivo da banda Fiati Sprecati
Con la partecipazione di Accademia sull’arte del gesto / Virgilio Sieni, Accademia di Belle Arti di Firenze, Accademia di Belle Arti di Carrara, Gruppo Porta Romana, Gruppo Cango, Gruppo Tattile, Scuola sul gesto e il paesaggio, Laboratorio sull’improvvisazione.
Danze libere / Claudia Caldarano

 

Torna l’Estate a San Salvi

Posted on

Al via a giugno L’Estate a San Salvi firmata Dai Chille de la balanza e da La Chute

Per il terzo anno si rinnova la collaborazione tra La Chute e Chille de la balanza: La Chute ripropone innanzitutto lo spazio del bar dedicato al grande Serge Gainsbourg e per questo ribattezzato GainsBARre. Birre artgianali, cocktail, piadine e snack nello splendido giardino del vagone dei Chille

Estate a San Salvi, giunta alla sua edizione n. 21, è il più longevo dei progetti dell’Estate fiorentina, nato praticamente insieme ad essa e cresciuta anno dopo anno.
Quest’anno i Chille presentano “SIAMO TUTTI MIGRANTI… veniamo da terre assai lontane”. In un momento in cui certa politica diffonde odio e semina paura, cercando di imporre lo scontro tra italiani e stranieri, tra normali e diversi, la cultura, dicono i Chille, deve prendere posizione. San Salvi è dal suo nascere un luogo di resistenza civile. La compagnia diretta da Claudio Ascoli ha perciò scelto “Siamo tutti migranti” come parola d’ordine…da realizzare in 4 mesi da giugno a settembre con un programma di Teatro, Musica dal vivo – anche in collaborazione con l’associazione La Chute diretta artisticamente dal cantautore Max Larocca, Cinema, Eventi speciali. E come sempre, con iniziative anche ad agosto, la presenza di giovani Artisti e ad inizio settembre un Festival…nel Festival: Storie differenti, aperto da Ascanio Celestini sabato 31 agosto. E pochi giorni prima, martedì arriva a San Salvi anche Bobo Rondelli, in un progetto La Chute in collaborazione con Music pool!
Impossibile elencare le decine di appuntamenti della lunga estate nell’ex-manicomio: per maggiori informazioni www.chille.it.Qui ci limitiamo a segnalare i primi, imperdibili appuntamenti. In un sintetico calendario, non possiamo non sottolineare a giugno l’apertura con la replica n. 604 della Passeggiata “C’era
una volta…il manicomio” di e con Claudio Ascoli giovedì 6; nella settimana successiva martedì 11 e mercoledì 12 giugno uno special event con “Riccardo III” da Shakespeare, spettacolo de Il Teatro di Napoli, drammaturgia e regia di Laura Angiulli con in scena Giovanni Battaglia, Alessandra D’Elia e Luciano Dell’Aglio. Nel “Riccardo III” firmato dalla Angiulli, il protagonista – in continuo gioco con la deformità che ne irrigidisce gli atti – fa suoi schemi rappresentativi che ne esaltino la propensione alla violenza e al delitto.
Nessun imbarazzo in lui, malefico fool. Egli dichiara di volersi vendicare, coi suoi atti efferati, di quella natura che l’ha reso «privo di ogni bella proporzione».
Sempre a giugno tre importanti appuntamenti in collaborazione con la Chute: dopo la Festa di apertura del GainsBARre sabato 8 giugno con Dome la muerte r’n’roll dj set, ecco mercoledì 26 Fernet, uno spettacolo che fonde diversi linguaggi espressivi (musica, teatro, video e animazione con sul palco la band Petralana e
l’attore Pietro Traldi), e infine venerdì 28 con lo straordinario concerto Ifriqiyya Electrique. Dietro questo strano nome non si nasconde quello di una band quanto piuttosto l’indicazione di una vera e propria cerimonia atta a favorire l’interazione con entità positive; in Ifriqiyya Electrique s’incrociano così le chitarre e le contaminazioni elettroniche proprie dei Putan Club, con i riti di trance e possessione di Tarek Sultan, Yahia Chouchen e Youssef Ghazala, membri del Rituale Banga del deserto del Sahara in Tunisia. Una serata da non perdere!

Ma di questa prima parte dell’estate sansalvina l’evento simbolo è sicuramente “Teste tonde e teste a punta”: un raro, divertente, attualissimo testo scritto da Brecht nel 1933 pochi giorni prima di essere costretto a lasciare la Germania, ormai nelle mani di Hitler. In esso, in forma di fiaba, Brecht parla di un “luogo” il cui viceré incarica il presidente di una non meglio identificata Lega a… distrarre il popolo. Come? Spostandone l’attenzione dai problemi reali economici a quelli delle differenze di razza: appunto teste a punta e teste tonde; ipotizzando infine addirittura l’unione di queste due razze contro una terza: quella delle teste ad angolo…provenienti dall’altra parte del mare! Il Laboratorio dei Chille presenta “Teste tonde e teste a punta” da mercoledì 19 a venerdì 21 giugno. In scena oltre 20 attori e musicisti per uno spettacolo per il quale si consiglia una tempestiva prenotazione!
Tra gli appuntamenti degli inizi di luglio non possiamo non segnalare “Breviario mediterraneo” con Francesco Chiantese giovedì 4, il concerto di Lee Ranaldo, tra i più grandi chitarristi oggi in circolazione, sabato 6 e Domenica 7 il singolarissimo “Sogno di una notte di mezz’estate” da Shakespeare nella messinscena di RSSA Residenze Socio Shakespeariane Assistite, progetto diretto da Alessio Martinoli e Francesco Ferrieri. E ancora la produzione Chille “Casa di bambole” di e con Sissi Abbondanza e, last but not least, “Una splendida giornata da clandestino” del Teatro Miela di Trieste: storia vera di un giornalista che si finge migrante per un giorno e scrive un’inchiesta sulla situazione dei richiedenti asilo, raccontando la città nascosta, quella degli emarginati rifugiati al “Silos”.
Tutti gli spettacoli iniziano alle ore 21.30; l’ingresso costa 12 €, con un ridotto Coop e Arci a 10 €, Carta studente 8 €. Tutte le sere di spettacolo – e comunque dal mercoledì al sabato – sarà aperto il GainsBARre, con musica dal vivo a cura die La Chute!

Migliaia di dischi al parco questa settimana all’Anconella Garden

Posted on

Le etichette indipendenti protagoniste della settimana del Parco dell’Anconella 


Jazz, musica elettronica e un’intera giornata dedicata alle etichette indipendenti, con migliaia di dischi da ascoltare e acquistare in mezzo al parco: è il programma della settimana di Anconella Garden, spazio dell’Estate Fiorentina da vivere giorno e notte per tutta la stagione, con eventi diversi ogni sera e un punto ristoro immerso nel verde, nel polmone di Firenze Sud (accesso da via di Villamagna 39/d). Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

Si comincia martedì 28 maggio con il concerto Assolo dal titolo “Il Contrabbasso e le Rane”, a cura di Bernardo Sacconi (primo set ore 18.45, secondo set ore 21.15). Giovedì 30 sarà la volta di Francesco Pinzani Trio Jazz (primo set ore 18.45, secondo set ore 21.15), venerdì 31 alle ore 21.30 Nicola Genovese Trio traghetterà il pubblico in un viaggio tra le canzoni d’autore italiane.

Chiude la settimana, sabato 1° giugnoMusic On Top, nuovo format a metà strada tra il party e la mostra mercato, dedicato alle etichette musicali indipendenti. La giornata, a cura del collettivo fiorentino Lattexplus, avrà inizio la mattina e andrà avanti fino a mezzanotte. Dalle ore 11 Anconella Garden comincerà a popolarsi grazie alla presenza di negozi, collezionisti privati ed etichette indipendenti. Migliaia i dischi che saranno esposti, tra classici di ogni genere, novità, ristampe, pezzi rari e introvabili, tutti da guardare, ascoltare e acquistare. Alcune aree specifiche saranno adibite a workshop e talk in tema, ideali per accogliere anche i più piccoli. Per tutta la giornata la colonna sonora sarà curata dai dj delle diverse etichette presenti, che andranno avanti fino a mezzanotte. Guest star della serata Beppe Loda, storico dj fiorentino.

La programmazione culturale di Anconella Garden è a cura del festival Diramazioni, in sinergia con alcune delle associazioni attive nel quartiere. Un cartellone in grado di crescere nel corso dei mesi, proprio grazie a queste sinergie, nel rispetto dei residenti e dell’ambiente del parco. Nato nel 2000 come festival itinerante, pensato per gli spazi pubblici fiorentini da artisti, studenti e associazioni riunite, dal 2008 Diramazioni, a cura dell’associazione culturaleCambiamusica! Firenze, ha trovato una casa base nel Parco dell’Anconella, grazie alla collaborazione con l’Estate Fiorentina.

Ogni giorno, dalle 16 fino a tarda serata, è possibile fare una sosta all’Anconella Garden per gustare una merenda, un aperitivo, una cena o un drink in mezzo al verde. Sul menu burger di manzo e di tonno, alette di pollo, frittura di mare con verdure, ma anche pizze, calzoni, covaccini e alternative vegetariane a prezzi pop. Per accontentare i gusti di tutta la grande famiglia Anconella.

Musica brasiliana, blues e jazz al Flower al Piazzale

Posted on

Una settimana di concerti


Dalla musica brasiliana al blues, fino al jazz con influenze afro: la settimana del Flower al Piazzale, la terrazza culturale con vista sulla città, è all’insegna della musica live. Tutti gli appuntamenti hanno inizio alle ore 19, ingresso libero.

Si comincia domani, martedì 28 maggio, con il duo blues e swing Dr Jobby e Leo Boni per un concerto ispirato ai successi di Bone Walker, Guitar Slim, Freddie King, Albert King, B.B. King, Albert Collins.

Si prosegue giovedì 30 con il Trio Brasilia che propone un repertorio originale di musica brasiliana. I brani sono quasi tutti firmati dal trombettista Franco Baggiani, accompagnato dal contrabbassista Stefano Lepri e dal chitarrista Leonardo Montalbano.

Venerdì 31 sarà la volta del jazz dei Punti e Crome, duo composto da Alessio Falcone alla tastiera e Michele Andriolaalle percussioni. Chiude la settimana sabato 1° giugnoJazz parking, appuntamento che vede protagonisti musicisti di varie generazioni appartenenti all’associazione Cambiamusica Firenze. Comune denominatore: la ricerca musicale, la sperimentazione e l‘improvvisazione. Sul palco a questo giro saliranno Max Calderai, tra i più affermati pianisti jazz toscani, e Amedeo Ronga al contrabbasso, pronti ad esplorare sonorità afro-americane e linguaggi innovativi.

Ultimo appuntamento musicale, prima dello stop del mese di giugno, martedì 4 giugno con One man band. La prossima settimana lo chalet del Flower, che privilegia legno e materiali di recupero, sarà completamente smontato per fare spazio ad alcuni eventi di Pitti Immagine e ai tradizionali Fochi di San Giovanni. La programmazione riprenderà a partire dalla fine del mese con rassegne ed eventi a cura dell’associazione Art in Progress, in collaborazione con Controradio, La Nottola di Minerva e Collettivo per l’Arte del Suono.

Per tutta la stagione il Flower al Piazzale offrirà un menu tutto toscano, privilegiando prodotti Dop e Igp rappresentativi delle eccellenze toscane. Sul menu: crostoni, taglieri di salumi e formaggi, maxi insalate, centrifughe rinfrescanti e – per la prima volta – pizza, con impasto a lunga levitazione. La Toscana si potrà gustare anche nel bicchiere, grazie a una carta dei vini a km zero e all’uso di distillati prevalentemente made in Tuscany nei cocktail.

ART in progress è un’Associazione che ha tra i suoi obiettivi la creazione di progetti per il tempo libero e per l’intrattenimento, ideati di volta in volta tenendo conto delle realtà sociali e culturali dei territori con i quali intende interagire.

Flower è l’acronimo del motto che abbiamo scelto per il progetto: For living on a wonderful ecological resource. L’idea è di poter vivere un’esperienza in un ambiente che tiene conto delle sue potenzialità naturali nel rispetto dell’ambiente stesso. Ecologia intesa non solo in riferimento alla natura, ma anche al modo di viverla, partecipando insieme delle sue possibilità nel rispetto delle diversità sociali e culturali.

Torna Flower al Piazzale

Posted on

Apre Flower al Piazzale, terrazza culturale con vista, musica, incontri e ristorazione a km zero fino a settembre, un allestimento a basso impatto ambientale e una fitta programmazione.

La quarta stagione parte in anticipo sotto al David di Michelangelo: food & music fino ai primi di giugno, poi uno stop per fare spazio a concerti e Fochi di San Giovanni. Da luglio tornano le rassegne  a cura di Controradio, Nottola di Minerva e Collettivo per l’Arte del Suono

L’Estate Fiorentina arriva prima al piazzale Michelangelo: al via il prossimo fine settimana la quarta stagione del Flower al Piazzale, terrazza culturale con vista sulla città. Fino ai primi di giugno il chiosco a impatto zero, caratterizzato da un allestimento che privilegia legno e materiale di recupero, ospiterà ogni sera intrattenimento musicale e ristorazione di qualità. Le attività riprenderanno poi a luglio, con incontri, dibattiti, performance live, grandi ospiti e musica, dopo uno stop di circa un mese necessario a lasciare il campo libero a concerti e Fochi di San Giovanni. Al timone del Flower si conferma l’associazione Art in Progress, in collaborazione con Controradio, La Nottola di Minerva e Collettivo per l’Arte del Suono.

Saranno queste affermate realtà fiorentine ad assicurare una programmazione di livello: fino ad ottobre ogni sera il Flower ospiterà ogni sera un appuntamento diverso, con ospiti di fama nazionale e giovani artisti emergenti.

IL CALENDARIO.

Si comincia sabato 18 maggio alle ore 19 con la performance live di Giovanni Cifariello, per il ciclo Piazzale Jazz, rassegna che porterà insieme sul palco alcuni tra i musicisti fiorentini più inclini all’improvvisazione e li vedrà talvolta interagire con un gruppo di pittori. Nato a Firenze nel 1967, Cifariello inizia da giovanissimo a studiare musica, diplomandosi poi al Conservatorio. La passione per la chitarra lo porta a confrontarsi con svariati artisti e generi musicali, dal blues al jazz alla musica classica. Ha suonato in tutto il mondo, con artisti come Maurizio Solieri, Tullio De Piscopo, Alan Sorrenti, Riccardo Fogli e molti altri. Nel 2000 ha fondato un suo trio con cui tuttora si esibisce in live jazz e progetti musicali originali. Dal 2007 detiene la cattedra di chitarra in una scuola secondaria a indirizzo musicale di Scandicci. Domenica 19 alle ore 19, invece, largo alle danze con la milonga organizzata dall’associazione Liberandotango, serata a favore dell’associazione Amici della Terra: gradito un particolare verde nell’outfit.

La prossima settimana – meteo permettendo – vedrà un concerto al giorno: Dr Jobby (martedì 21), Ausbluvio Duo (giovedì 23), Jazztronic (venerdì 24), Jazz Parking f. Pantusa (sabato 25). Gli spettacoli iniziano tutti alle ore 19 e sono tutti a ingresso libero.

LA RISTORAZIONE. Solo materie prime di alta qualità e rigorosamente a km zero: Flower al Piazzale offrirà per tutta la stagione un menu 100% toscano, sia sul fronte del food che su quello di vino e liquori, anche ad uso mixology, privilegiando prodotti Dop e Igp rappresentativi delle eccellenze toscane. Sul menu: crostoni, taglieri di salumi e formaggi, maxi insalate, centrifughe rinfrescanti e – per la prima volta – pizza, con impasto a lunga levitazione.

ART in progress è un’Associazione che ha tra i suoi obiettivi la creazione di progetti per il tempo libero e per l’intrattenimento, ideati di volta in volta tenendo conto delle realtà sociali e culturali dei territori con i quali intende interagire.

Flower è l’acronimo del motto che abbiamo scelto per il progetto: For living on a wonderful ecological resource. L’idea è di poter vivere un’esperienza in un ambiente che tiene conto delle sue potenzialità naturali nel rispetto dell’ambiente stesso. Ecologia intesa non solo in riferimento alla natura, ma anche al modo di viverla, partecipando insieme delle sue possibilità nel rispetto delle diversità sociali e culturali.

Riapre il LIGHT – lo spazio estivo nei giardini di Campo di Marte

Posted on

LIGHT – Il Giardino di Marte, lo spazio estivo all’interno dei Giardini di Campo di Marte (V.le Manfredo Fanti n.8, Firenze), inaugura la nuova stagione giovedì 16 maggio dalle ore 18. Per l’occasione, lo speciale dj set di Mirco Roppolo: i suoi vinili ci accompagneranno, infatti, in un indimenticabile viaggio nella storia della musica, tra grandi classici, gioielli sconosciuti e tormentoni dimenticati.

Light, si presenta come uno spazio polivalente dove fare aperitivo, cenare con hamburger, piatti freddi o un’ottima pizza, e trascorrere una serata godendosi concerti, dj set o spettacoli dal vivo in programma tutta l’Estate dalle 17:00 alle 01:00, ad ingresso gratuito.

In programma, ogni settimana, qualcosa di diverso:

Il mercoledì alle ore 21,30 sarà “Light Jazz Garden”: musica originale, standard jazz, improvvisazione. Si alterneranno sul palco del Light i migliori interpreti della scena jazz fiorentina, per creare un’atmosfera vivace e rilassante dall’ora di cena in poi.

Giovedì, in collaborazione con ProgeasFamily, arriva “LP LongPlaying”: il nuovo appuntamento con il mondo dei Dischi in vinile che tanto stanno tornando nella vita quotidiana di tutti gli amanti di musica e non solo.

Al Light saranno i 33 e i 45 giri a fare da padrone: i migliori Dj fiorentini si esibiranno ai piatti per tutta la stagione estiva con perle musicali di vario genere.

Dal mondo sconfinato della BlackMusic, al Funky più fresco fino ad arrivare ai classici intramontabili della pop music italiana e internazionale, senza tralasciare il sound tipico del progressive rock e molto altro…

Programma:

23 Maggio: La Ponto & La mimmy

30 Maggio: Vimana

6 Giugno: Calzino

13 Giugno: Vimana

20 Giugno: VSUM

27Giugno: Calzino

Venerdì, spazio alla musica live con “Light Live Music”. Al giardino di Campo di Marte arrivano i REVOLUTION ONE (Beatles tribute band), venerdì 17 maggio; JACK BERRY (acoustic cover rock and roll), venerdì 24 maggio e il 31 maggio: GLI ANIMALI DI PLASTICA (Indie Pop inedito+cover pop)

Carioca Dj Set è invece la nuova serata del sabato che tinge il Light di colori sgargianti e ritmi esotici. Nella giungla urbana di Campo di Marte si respira aria di festa: muoversi al ritmo di cumbia e disco tropicale sarà la parola d’ordine. Orario dalle 21 alle 00.00

Domenica, infine, si conferma l’appuntamento con il cinema sotto le stelle. La prima puntata della nuova stagione cinematografica, il 19, è in collaborazione con Off Cinema. In programma “Exit Through the Gift Shop”, il documentario sulla street art attribuito al più celebre degli street artist: Banksy.

Un artista di fama planetaria, un’autentica star, di cui nessuno però conosce il vero nome. Nei pochi video in cui compare è incappucciato e con la voce contraffatta; è ricercato dalla polizia, adorato dalla stampa, coccolato dallo star system, ma riesce a mantenere l’anonimato.

Banksy è un autentico fenomeno: le sue opere, spesso murales, sono spesso esposte in circuiti “non ufficiali”, ma hanno preso ormai quotazioni considerevoli. Il suo film è un documento sulla street art straordinariamente divertente, sempre in bilico tra realtà e finzione, ma anche una riflessione acuta e irriverente sul mercato dell’arte, del quale vengono mostrate tutte le contraddizioni.

 

A giugno la programmazione sarà a cura dell’associazione “La Bocciofila”, da luglio passa sotto la direzione di “Black Oaks Picture”.

 

Informazioni

Light- Il Giardino di Marte

V.le Manfredo Fanti, n.8 davanti alla curva Fiesole, Firenze

Ingresso gratuito