Torna il furgoncino del Cinema Tascabile: “Monni e gli amici suoi”

Posted on

Dal 15 luglio all’8 agosto torna nelle sere dell’Estate Fiorentina il furgoncino del Cinema Tascabile, con l’associazione M.Arte e Spazio Alfieri, per il terzo anno consecutivo il Cinema arriva nelle periferie.

I quattro quartieri periferici Q2, Q3, Q4 e Q5 ospiteranno nelle loro piazze e giardini delle vere e proprie arene estive, attraverso un “cinema portatile”(giardino villa Arrivabene – Q2, giardino centro sociale Sorgane – Q3, Piazza Crezia – Q4, Piazza Coop Le Piagge – Q5) e chi vorrà, potrà portarsi la propria sedia preferita da casa, arriva il cinema di quartiere, se i residenti non vanno al cinema è il cinema ad andare da loro e ad ingresso libero.

Tommaso Sacchi, assessore Cultura, Moda e Design, così saluta la terza edizione di Cinema Tascabile – “Estate Fiorentina, il più grande ed esteso festival multidisciplinare del Paese, ha spalle robuste costruite in anni di ascolto delle esigenze e richieste pervenute dai quartieri di tutta la città. Centrale è sempre stata la grande attenzione prestata alle periferie, portando eventi anche in piazze e aree meno centrali, grazie alle tante associazioni culturali che credono nella rassegna estiva e realizzano ogni anno progetti di alta qualità. Uno di questi è sicuramente il Cinema Tascabile”-.

16 proiezioni: 4 per ogni quartiere, in uno straordinario omaggio a Carlo Monni e Gli Amici Suoi, nel programma curato dal critico Claudio Carabba.

CARLO MONNI E GLI AMICI SUOI

Il primo pensiero è stato per Carlo Monni, detto dagli amici di gioventù il Monna, un attore estroso e a volte furente, che con la vita, il cinema e il teatro avrebbe ancora giocato. Ma una brutta malattia lo ha consumato nel maggio del 2013, quando non aveva ancora compiuto il suo settantesimo compleanno. Monni era legatissimo a Firenze e a Campi Bisenzio (o come lui amava dire Champ du Bisenz), la cittadina toscana dove era nato e che infatti ora gli ha dedicato una statua e il maggior teatro del luogo accoppiando il suo nome a quello di Padre Dante. Di Carlo proporremo alcuni film capitali, come il duro e fulminante Berlinguer ti voglio bene, in cui recitava con il primo amico del cuore Roberto Benigni, diretto da Giuseppe Bertolucci, l’artista che aveva inventato il personaggio di Cioni Mario, l’alter ego di Robertaccio. Abbiamo scelto altri film con Monni: il buffo e straziante Ritorno a casa Gori e Non ci resta che piangere in cui era il focoso Vitellozzo accanto all’irripetibile coppia

Benigni-Troisi. Avremmo potuto completare il programma con la ricca filmografia completa di Carlo, ma abbiamo deciso che era più giusto allargare la rassegna itinerante nei quartieri fiorentini, con l’ondata degli amici suoi che crebbe veloce e impetuosa fra la fine degli anni settanta e gli anni ottanta. Rivedremo così i primi film arrabbiati di Francesco Nuti, le novelle filosofico-politiche di Alessandro Benvenuti, gli esperimenti bizzarri di Ceccherini, la cavalcata storica di Paolo Hendel in Domani accadrà, il Marco Messeri in insolita versione drammatica di Notte italiana, opera prima di Carlo Mazzacurati. Tutti insieme i “toscanelli” formarono una sorta di aspro “stilnovo”, poeticamente non insignificante. Resta come padre spirituale il burbero-benefico Mario Monicelli che con Amici miei e più tardi con Speriamo che sia femmina, aprì la strada alla commedia fiorentin-toscana , sino allora maltrattata al botteghino. Ma francamente, chi se ne frega, avrebbe forse gridato il Monni in uno dei suoi mitici scatti ribelli.

Claudio Carabba

Lunedì Sorgane, Q3

Giardino centro sociale Sorgane

15 luglio Tu mi turbi

22 luglio Compagni di scuola

29 luglio Domani accadrà

5 Agosto Casablanca, Casablanca

Martedì Le Piagge, Q5

Centro Commerciale Coop

16 luglio Berlinguer ti voglio bene

23 luglio Zitti e mosca

30 luglio Lucignolo

6 agosto Son contento

Mercoledì P.zza Crezia, Q4

17 luglio Ritorno a casa Gori

24 luglio Belle al bar

31 luglio Chiedo asilo

7 agosto Speriamo che sia femmina

Giovedì Villa Arrivabene Q2

Giardino villa Arrivabene

18 luglio Non ci resta che piangere

25 luglio Albergo Roma

1 agosto Cari fottutissimi amici

8 agosto Notte italiana

Off Cinema ricorda Zeffirelli con la proiezione de “La Bisbetica Domata”

Posted on

Lunedì 1 Luglio, ore 21.30, Off Cinema rende omaggio al maestro Franco Zeffirelli, con la proiezione di uno dei suoi capolavori: La Bisbetica Domata. Questa speciale serata, vedrà come ospite il figlio del regista, Pippo, col quale avremo il piacere di parlare prima della proiezione, insieme al giornalista e critico cinematografico Giovanni Bogani.

Off Cinema ringrazia la Fondazione Zeffirelli per il lavoro svolto e per la grande collaborazione.
Il film, girato negli studi romani Dino De Laurentiis, fu diretto in maniera stupefacente da Franco Zeffirelli, il quale si impose internazionalmente dopo il debutto cinematografico con Camping del 1957.
Ambientato nella Padova del XVI secolo, il film aderisce al testo della celebre commedia di Shakespeare, pur presentando un’ottima sceneggiatura cinematografica arricchita di particolari e di scenografie spettacolari. Il merito del regista, infatti, è quello di permettere allo spettatore, non solo di vivere le scaramucce e i litigi tra i due protagonisti, ma di fargli conoscere gli ambienti e l’atmosfera sociale del tempo.
Quello di Zeffirelli non è però un semplice esercizio di stile: la scelta di puntare su una coppia passionale tanto quanto turbolenta come quella formata da Elizabeth Taylor e Richard Burton risulta vincente, poiché i due attori riescono a riproporre sullo schermo quel piglio vivace e quella briosità del testo originale.
Il film è una commedia brillante e divertente, ricca di elementi comici e trascinante soprattutto nelle sequenze di lotta tra i coniugi e nei toni più sentimentali della parte finale. La coppia Burton-Taylor sembra approfittarne per riversare sullo schermo le schermaglie della loro vita privata: entrambi attori di altissimo livello, l’uno è la spalla dell’altro.
Franco Zeffirelli ha non solo fantasia e un brillante senso dello spettacolo, ma anche quella giusta dose di aggressività che gli permette di credere fino in fondo nel suo lavoro: un film avvincente e convincente, sicuramente un caposaldo della sua filmografia.

La rassegna Off Cinema, patrocinata dal Comune di Firenze, è dedicata al cinema espanso attraverso la proiezione di fiction e documentari che spaziano tra cinema italiano e internazionale, organizzata in collaborazione con associazioni del settore audiovisivo, registi e professionisti del settore.

 

Informazioni

OFF BAR – LAGO DEI CIGNI

Ingresso gratuito

Viale Filippo Strozzi 20

info@offbar.it

Apriti Cinema ritorna nel cortile degli Uffizi

Posted on

Torna a Firenze, dal 26 giugno all’8 agosto, nel cortile degli Uffizi, Apriti Cinema, l’arena cinematografica estiva organizzata dall’associazione Quelli dell’Alfieri, con una programmazione curata da Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana, in collaborazione e con il sostegno delle Gallerie degli Uffizi, e inserita nel cartellone dell’Estate Fiorentina del Comune di Firenze. In tutto 46 film, in lingua originale, sottotitolati in italiano e in inglese, che vanno ad arricchire la proposta culturale delle notti estive fiorentine, in particolare del centro storico, dove si concentrano i flussi turistici, italiani e internazionali.

“Per il terzo anno consecutivo – afferma Tommaso Sacchi, Assessore alla Cultura, Moda e Design del Comune di Firenze – ritorna l’arena cinematografica, con una programmazione di pellicole dedicate ai capolavori italiani e internazionali d’autore in lingua originale, all’arte contemporanea e ai docufilm, nel piazzale degli Uffizi. Un luogo unico, di grande fascino e suggestione, che farà vivere l’emozione del grande schermo attraverso un ricco palinsesto curato dai più autorevoli festival cinematografici cittadini, che sarà offerto gratuitamente a tutti i fiorentini e agli ospiti in città nel periodo estivo. Il “cinema del mondo” degli Uffizi, attraverso la migliore produzione audiovisiva internazionale, costituisce un dialogo virtuoso tra culture diverse e riesce a unire in modo originale i luoghi storici alla produzione artistica, uno dei binomi di forza della nostra amata Estate Fiorentina”.

Gli eventi speciali curati da Quelli della Compagnia

Il primo evento speciale della rassegna è l’inaugurazione, mercoledì 26 giugno sera, con un omaggio al maestro Franco Zeffirelli, del quale sarà proiettato il film Un tè con Mussolini, racconto appassionato e affresco storico della sua Firenze, stravolta dal fascismo e dalla seconda guerra mondiale. Gli eventi speciali curati da Quelli della Compagnia proseguono il giorno seguente, il 27 giugno, con un documentario dedicato ad un’antica tradizione fiorentina, Calcio Storico – Il sangue di Firenze di Louis Myles & Lorenzo Sorbini. Il 29 giugno è la volta del film del comico toscano Paolo Ruffini, Up & Down – Un film normale, che racconta l’entusiasmo di un gruppo di ragazzi e attori “speciali”, in torunée con lo spettacolo teatrale portato nei più prestigiosi teatri italiani. Il tema della salvaguardia del patrimonio artistico e monumentale dalla furia dei conflitti bellici è raccontato dai film Rinascere dalle distruzioni – Ebla, Nimrud, Palmira, di Marco De Luca (13 luglio) e A Flickering Truth, di Pietra Brettkelly (6 luglio). Per celebrare i cinquant’anni dello sbarco dell’uomo sulla luna, in programma il film storico di Georges Méliès,  Voyage dans la lune e, a seguire Moonwalkers di Antoine Bardou-Jacquet (20 luglio).

Film che si collegano alle esposizioni delle Gallerie degli Uffizi

In occasione della mostra delle Gallerie degli Uffizi, “Re e Regine della Grande Storia”, in programma il film Marie Antoinette, di Sofia Coppola (30 giugno),Il discorso del Redi Tom Hooper (7 luglio), La Regina Margot, di Patrice Chéreau (21 luglio). Un evento speciale delle Gallerie degli Uffizi sarà la proiezione di The art star and the Sudanese Twing, di Pietra Brettkelly (28 luglio). Si collega invece all’esposizione “Tutti i colori dell’Italia ebraica. Tessuti preziosi e stoffe dall’antica Gerusalemme al prêt-à-porter moderno” (Sala Magliabechiana), il film Mr. Gaga, di Tomer Heymann,  in collaborazione con il Florence Dance Festival, sulla vita e l’arte di Ohad Naharin, uno dei più importanti coreografi al mondo, creatore del rivoluzionario movimento Gaga, una danza emozionale ed energica; e The Museumdi Ran Tal (27 luglio), mentre i titoli L’ età di Cosimo de’ Medici, di Roberto Rossellini (Parte I, II e III, nei giorni 5, 6 e 7 agosto) e Il mestiere delle armidi Ermanno Olmi, si ricollegano alla mostra “Omaggio a Cosimo I. Una biografia tessuta” (Galleria Palatina, Palazzo Pitti). Le Gallerie degli Uffizi celebrano il cinquecentenario della nascita di Cosimo I (1519-1574), primo Granduca di Firenze, dedicandogli un ‘trittico’ di mostre: “Cento lanzi per il Principe”, “Una biografia tessuta. Gli arazzi seicenteschi in onore di Cosimo I” (sala delle Nicchie e sala Bianca di Palazzo Pitti dal 5 giugno al 29 settembre) e “La prima statua per Boboli. Il Villano restaurato” (sala delle Nicchie di Palazzo Pitti dal 5 giugno al 29 settembre).

Film proposti dai festival internazionali

Il Festival dei Popoli porta ad Apriti Cinema quattro film, che rendono omaggio alla regista e fotografa belga, rappresentante della Nouvelle Vague, Agnès VardaMur Murs (3 luglio) passeggiata della regista alla scoperta dei murales che adornano le strade di Los Angeles, Les glaneurs et la glaneuse (10 luglio) che declina in modo moderno la pratica degli spigolatori, trasformata oggi nel riuso di oggetti abbandonati, Cinévardaphoto, tre cortometraggi sulla Varda fotografa (17 luglio) e il suo ultimo Visage, Villages, riscoperta, insieme all’artista JR, del paesaggio francese, profondamente trasformato nel corso del tempo (24 luglio).

Quattro i titoli anche per Lo schermo dell’arte Film Festival, che porta ad Apriti Cinema la X edizione della mini-rassegna Lo schermo dell’arte Notti di Mezza Estate. Il 1° luglio, in programma Controfigura, di  Rä di Martino, presentato dallo stesso artista, nel quale una troupe esplora Marrakech per trovare le location più adatte a girare il remake di The Swimmer, di Frank Perry, ispirato al racconto Il nuotatore, di John Cheever; Christo – Walking On Water, di Andrey Paounov (8 luglio), che documenta la preparazione dell’artista Christo della megainstallazione sul Lago d’Iseo, The Floating PiersMoriyama-San, di Ila Beka e Louise Lemoine (15 luglio), racconto  di due giorni trascorsi da Ila, uno dei due autori, con Yasuo Moriyama, eremita urbano che vive a Tokio, in uno degli esempi più importanti dell’architettura giapponese contemporanea, realizzata da Ryūe Nishizawa; The Price of Everythingdi Nathaniel Kahn (22 luglio), film che va ad indagare i motivi che hanno trasformato il mondo dell’arte in un mercato multimilionario.

Middle East Now propone 5 pellicole dedicate a 5 diversi paesi mediorientali, sul tema delle “Global Connections”: il 2 luglio protagonista l’Afghanistan, conMidnight Traveler, di Hassan Fazili, in anteprima italiana, straordinario esempio di cinema-verità ai tempi della rinascita dei nazionalismi. Dopo che i Talebani hanno messo una taglia sulla testa di suo padre, il regista Hassan Fazili si mette in viaggio verso l’Europa con la sua famiglia e riprende col cellulare la tragedia di chi è costretto a fuggire dal proprio Paese, in cerca di una vita possibile; Global Connections Siria è il tema di Aziza, di Soudade Kaadan (9 luglio) storia di Ayman, rifugiato siriano in Libano, che insegna a sua moglie a guidare la  macchina, unica cosa rimasta dal suo paese. A seguire The day I lost my shadowanche questo di Soudade Kaadan, storia di Sana, giovane donna che durante il più freddo inverno siriano si mette in cerca del gas per cucinare e che arriverà a scoprire l’assurdità di una vita senza domani, costantemente sotto i bombardamenti. Gaza, di Garry Keane e Andrew McConnell (23 luglio), presentato dagli stessi registi, prosegue le proiezioni sul tema delle Global Connections, ritratto inedito di una striscia di terra di soli venticinque miglia, sinonimo di violenza e distruzione, che è possibile conoscere davvero solo immergendosi a fianco della sua gente ed esplorando la sua ricca diversità sociale e culturale; Il 30 luglio, serata dedicata all’Iran, in memoria di Felicetta Ferraro, con il film Dressage, di Pooya Badkoobeh, presentato dal regista, storia di una adolescente di Teheran che trascorre la maggior parte del suo tempo fuori con gli amici, ma il cui passatempo si trasformerà in qualcosa di molto più grande e complicato.

Il Nice Festival, dopo la serata dedicata al cinema italiano, il 28 giugno, con i film Il Signor Jackson e Umberto Edi Anton Evangelista, propone a Apriti Cinema una mini-rassegna sul cinema russo, Russian Summer Nights (31 luglio – 4 agosto), in collaborazione con il Centro dei Festival cinematografici e Programmi Internazionali di MoscaI film della rassegna Russian Summer Nights saranno presentati dal produttore Karen Georgievic Šachnazarov, dalla presidente del Centro dei festival cinematografici e programmi internazionali di Mosca, Tatiana Shumova, e da Irina Borisova. La sequenza di cinque titoli dalla Russia inizia con L’ultima danza di Romeo e Giulietta, di Lev Arnshtam (31 luglio). Si prosegue il 1° agosto con la grande tradizione teatrale russa, Il Balletto del Bolshoi – Spartacus, di Yurij Grigorovich e Vadim Derbenev: il 2 agosto, in programma, I veleni, o la storia mondiale dell’avvelenamento. di Karen Shakhnazarov, che tra passato e presente racconta la pratica dell’avvelenamento per vendette amorose; il 3 agosto è la volta del film di formazione Il porto, di Aleksandra Streljanaja, presentato dalla stessa regista, il 4 agosto chiude la rassegna del cinema russo Una matta, matta, matta corsa in Russia, di Eldar Ryazanov, avventurosa caccia al tesoro che inizia in un ospedale di Roma, quando un’anziana signora rivela di aver nascosto una favolosa fortuna sotto un leone a Leningrado e prosegue verso la patria della scomparsa.

Il 4, l’11 e il 18 luglio, i film del Premio Fiesole ai Maestri del Cinema – riconoscimento del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani, Comune di Fiesole e Fondazione Sistema Toscana – quest’anno attribuito al regista italiano Paolo Sorrentino. I tre film in programma sono 
L’uomo in più
, esordio nel lungometraggio Sorrentino sul tema del doppio; This Must be the Place, con un inedito Sean Penn che interpreta l’ex rockstar, ormai in decadenza, Cheyenne; Youth – La giovinezza, film visionario e poetico sul tema dell’inesorabile trascorrere tempo e delle sue implicazioni, seguendo la vita di un attempato gruppo di artisti e cineasti che si intrattiene in un prestigioso centro benessere sulle Alpi svizzere.

Una Finestra sul Nord propone il film svedese Sami Blood, di Amanda Kernell (5 luglio), sulle vicende di Elle Marja, ragazzina sámi degli anni ’30, tempi di discriminazioni razziali e durante i quali una donna non poteva sognare. Per realizzare i suoi desideri, Elle dovrà allontanarsi dalla sua famiglia.

Da Immagini & Suoni del Mondo – Festival del Film Etnomusicalela pellicola Alive Inside, di Michael Rossato Bennett (12 luglio), racconto sul potere terapeutico della musica e di come questa possa alleviare la condizione di chi soffre di Alzheimer e di demenza.

River to River Florence Indian Film Festival presenta 3 Storeys, di Arjun Mukerjee (16 luglio), ovvero tre storie che si intrecciano all’interno di condominio di Mumbai: racconto della straordinarietà di alcune vite ordinarie.

 Il Florence Korea Film Fest, in occasione dei 100 anni del Cinema Coreano, porta a Apriti Cinema My Sassy Girl, di Kwak Jae-Yong (14 luglio). Gyun-woo, studente modello, aiuta una ragazza ubriaca nel metro, che diventerà “la sua ragazza sfacciata”: una storia maledetta e impossibile si trasformerà in un bellissimo sogno d’amore.

Il Festival Internazionale di Cinema e Donne torna sul tema del pacifismo con il film La pacifistadi Miklós Jancsó (26 luglio): una giornalista svolge un’inchiesta sulla contestazione, innamorandosi, non ricambiata, di un esponente di una fazione violenta, incaricato di un omicidio politico. Il ragazzo non avrà a forza di portarlo a termine e i suoi compagni lo uccideranno. Lei, contravvenendo i suoi intenti pacifisti, dopo aver cercato inutilmente l’appoggio della polizia, si farà giustizia da sola.

Florence Queer Festival presenta Snapshots, di Melanie Mayron (29 luglio). Rose trascorre le sue giornate a pescare alla sua casa sul lago. Sua figlia Patti non vorrebbe che abitasse da sola ma Rose non ha intenzione di trasferirsi. In quella casa ci sono ricordi dai quali non vuole distaccarsi, in particolare quelli dell’estate in cui conobbe e si innamorò della bella e sfrontata Louise.

 

 

“È con grande piacere che le Gallerie degli Uffizi rinnovano la collaborazione con il comune di Firenze per la rassegna Apriti Cinema, ormai una vera e propria tradizione dell’estate fiorentina – dichiara Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi. Gli Uffizi non sono un luogo chiuso e isolato, ma vivono appieno nel tessuto cittadino e,anche per quest’anno, accoglieranno forestieri e fiorentini appassionati di cinema nel loggiato vasariano. Le arti performative, del resto, sono nel codice genetico degli Uffizi fin dalla loro nascita, e tornano oggi a fiorire con l’Estate cinematografica. Per l’edizione 2019, così come per le precedenti, non mancheranno, nel ricco programma, anteprime, film cult che hanno segnato la storia del cinema e anche una serie di proiezioni dedicate al rapporto tra arte e cinema, tema perfetto per lo spazio scenografico che la accoglie”.

 

“La programmazione di documentari e di film di qualità, che si collegano ad importanti ricorrenze o a manifestazioni culturali di rilievo, come quelle proposte dalle Gallerie degli Uffizi, sono uno dei punti di forza dell’attività cinematografica di Fondazione Sistema Toscana, che dalla sala de La Compagnia, si sposta in un’arena prestigiosa, Apriti Cinema, nella location straordinaria del cortile degli Uffizi – afferma il presidente di Fondazione Sistema Toscana, Iacopo Di Passsio. L’arena estiva rappresenta pertanto una continuità delle attività annuali cinematografiche di Fondazione Sistema Toscana che, con La Compagnia, si propone di promuovere il meglio del cinema documentario e di dare spazio alle anteprime dei festival internazionali della regione. Non possiamo pertanto che essere soddisfatti e orgogliosi di poter essere protagonisti della nuova edizione di Apriti Cinema a fianco dei partner istituzionali, il Comune di Firenze e le Gallerie degli Uffizi, insieme all’Associazione Quelli dell’Alfieri. La vita culturale estiva di Firenze si accende con i film di Apriti Cinema, che inizieranno con un omaggio ad un grande regista fiorentino, Franco Zeffirelli, che ci ha lasciato da pochissimi giorni”.

 

“Le scorse edizioni – afferma Lorenzo Luzzetti, presidente dell’Associazione Quelli dell’Alfieri – abbiamo riscontrato grandi apprezzamenti per la qualità dell’allestimento, cosa non scontata, dal momento che siamo confrontati con una location di eccezionale bellezza e importanza storica, tutta da salvaguardare. Visto il successo delle scorse edizioni, proseguiremo il lavoro per Apriti Cinema, nel contesto dell’Estate Fiorentina, con le stesse modalità, augurandoci di replicare i risultati positivi”.

Cannes a Firenze – France Odeon

Posted on

Direttamente dal 72° festival di Cannes, 9 film in anteprima assoluta italiana L’edizione fiorentina della rassegna di film dalla Croisette precede per la prima volta le altre edizioni italiane 11 – 16 giugno, Institut Français Firenze e cinema La Compagnia

Nel quadro dell’Estate Fiorentina 2019, una selezione dei film più apprezzati al festival di Cannes 72 sarà protagonista del panorama culturale toscano, con la 6° edizione di Cannes a Firenze – France Odeon, che si svolgerà all’Institut Français Firenze (11 – 13 giugno) e al Cinema La Compagnia (14 – 16 giugno).

Diretta da Francesco Ranieri Martinotti – che da dieci anni, con il festival France Odeon, porta a Firenze il meglio della cinematografica francese contemporanea – la rassegna propone, in anteprima assoluta italiana, 9 pellicole, provenienti dalle diverse sezioni di Cannes ’72, i cui riflettori si sono appena spenti sulla Croisette: Selezione Ufficiale, Un certain regard, Quinzaine des Réalisateurs. Per la prima volta, l’edizione fiorentina della rassegna che propone al pubblico i film provenienti dal festival di Cannes, precede le altre edizioni italiane. Dalla Selezione Ufficiale

Ad aprire la rassegna Cannes a Firenze – France Odeon, martedì 11 giugno, all’Institut Francais Firenze (ore 19.00 e in replica ore 21.00) è lo zombie movie del regista statunitense Jim Jarmush, The Dead dont’t Die, con Bill Murray, Tilda Swinton, Steve Buscemi, Selena Gomez, Iggy Pop, Adam Driver, Chloë Sevigny, Danny Glover e Tom Waits. Nella tranquilla cittadina di Centerville una serie di anomalie preoccupano la comunità scientifica e gli abitanti, che si ritrovano di punto in bianco a far fronte ad un esercito di zombie affamati di carne umana.

Sempre all’Istituto Francese, il giorno seguente, mercoledì 12 giugno (ore 19.00) in programma, Nan Fang Che Zhan de Ju Hui (The wild goose Lake), di Diao Yinan, con Ge Hu, Liao Fan, Dao Qi, Lun Mei Gwei, Qian Wan. Dopo aver ucciso per sbaglio un poliziotto, un gangster deve darsi alla macchia per sfuggire alla polizia e proteggere la propria famiglia. Oltre alle forze dell’ordine, anche le gang sue rivali si uniscono alla caccia per cercare di incassare la cospicua taglia sulla sua testa, spingendolo a rifugiarsi sulle rive del Wild Goose Lake, dove la sua storia si intreccerà con quella di una prostituta in difficoltà.

Tommaso di Abel Ferrara, con Willem Dafoe, Cristina Chiriac, Anna Ferrara (13 giugno, Istituto Francese, ore 21.00 e in replica venerdì 14 ore 20.00 al Cinema La compagnia ). Tommaso è un artista americano che vive a Roma con la moglie Nikki e la loro bambina di tre anni, Dee Dee. La loro relazione è tumultuosa e Tommaso deve fare i conti con il desiderio della consorte di cambiare le regole del loro matrimonio, sconvolgendo la vita semplice che l’uomo conduce a Roma, una città che lo vede ancora come uno straniero.

Ad aprire le proiezioni al cinema La Compagnia il 14 giugno ore 17.30, (e replica sabato 15 giugno ore 22.00) è Bacurau, film vincitore del Grand Prix- Gran Premio della Giuria, di Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornellespellicola, con Udo Kier, Barbara Colen e la grande Sonia Braga. Nel piccolo e desolato villaggio di Bacurau, nel nord-est Brasile, gli abitanti si trovano ad affrontare strani eventi iniziati dopo la morte della matriarca Carmelita, mancata all’età di 94 anni. Mentre il paese scompare da tutte le mappe satellitari e vengono ritrovati corpi crivellati di colpi, gli abitanti danno vita ad una rivolta contro un politico locale che ha preso il controllo dell’acqua.

Family Romance, LLC, di Werner Herzog, (film che chiude Cannes a Firenze – France Odeon a La Compagnia il 16 giugno sera, ore 21.30) con Yuichi Ishii, Mahiro Tanimoto, Tra documentario e finzione il film racconta dell’isolamento delle persone nell’era di Internet. Ishii ha un lavoro bizzarro, ma relativamente comune in Giappone: si spaccia per fratello, compagno, amico di chiunque sia disposto a pagare il prezzo giusto. Il naturale distacco con cui si destreggia nella sua professione vacilla dopo che una donna lo ingaggia per posare come padre per l’introversa figlia adolescente.

Dalla sezione Un certain regard: Vincitore di Un Certain Regard, A vida invìsivel de Eurìdice Gusmão, di Karim Aïnouz, con Carol Duarte, Fernanda Montenegro, Gregório Duvivier, Flavia Gusmao, Cristina Pereira, Julia Stockler, Barbara Santos, Antônio Fonseca, è in programma a La Compagnia venerdì 14 giugno, alle ore 22.00 (e sabato 15 alle ore 19.30). Siamo a Rio de Janeiro, nel 1950. Euridice è una giovane talentuosa, ma molto introversa. Sua sorella maggiore Guida è invece spigliata e socievole. Entrambe vivono sotto un rigido regime patriarcale che sono decise a sfidare. Le loro vite si separano quando Guida scappa di casa per non fare ritorno, mentre Euridice si impegna per diventare una pianista di successo. Dalla Quinzaine des Réalisateurs

Tre i film provenienti dalla Quinzaine des Réalisateurs: Give me Liberty, (mercoledì 12, Istituto Francese, ore 21.00), di Kirill Mikhanovsky, con Lauren Spencer, Chris Galust, Maxim Stoyanov, Darya Ekamasova, Zoya Makhlina, Dorothy Reynolds, Sheryl SimsDaniels, storia di Vic, giovane americano di origini russe, autista di un veicolo per il trasporto di persone handicappate a Milwaukee, che un giorno decide di dare un passaggio al nonno, ad un’altra dozzina di anziani che si stanno recando ad un funerale e a Tracy, una vivace giovane donna affetta da SLA, che darà una scossa alla loro giornata; Alice et le Maire di Nicolas Pariser, premio Label Europa Cinemas, (sabato 15, ore 17.30 e domenica 16 ore 19.30 La Compagnia,), interpretato da Fabrice Luchini, Anaïs Demoustier, Nora Hamzawi, Antoine Reinartz, storia della crisi esistenziale del sindaco di Lione, che si confronta con una giovane filosofa per superare il suo impasse, film intimo, giocato sulla bravura dei due protagonisti;

infine Yves, (giovedì 13 ore 19.00 all’ Institut Français, replica domenica 16, ore 19.30 al Cinema La compagnia,), di Benoît Forgeard, con Doria Tillier, William Lebghil, Philippe Katerine, Alka Balbir, film che gioca sui paradossi dell’invadenza sempre più pressante delle macchine e della tecnologia nella vita delle persone. Jerem si è trasferito a casa della nonna per comporre una canzone rap. Qui incontra So, misterioso investigatore che lavora per conto della start-up Digital Cool, il quale lo persuade a provare Yves, frigorifero smart che dovrebbe semplificare la sua esistenza. Gradualmente, il frigo conquisterà la fiducia di Jerem rendendolo una star grazie al suo contributo come ghost writer.

Oltre 64 mila presenze nei cinema sotto le stelle di Firenze!

Posted on

Oltre 64 mila presenze nei cinema sotto le stelle di Firenze questa estate. Il fascino del grande schermo non ha perso smalto nei mesi estivi e complice il caldo e la quantità e la qualità dell’offerta in tantissimi hanno affollato le varie arene all’aperto diffuse per Firenze, dal centro alla periferia.

Qualche numero: in centro è stato attivo per 47 serate ‘Apriti cinema’, il grande schermo nel piazzale degli Uffizi, con oltre 13 mila persone e gradinate sempre piene. Arene di Marte, il cinema al Mandela Forum, ha registrato oltre 32 mila persone. L’arena Chiar di luna ha conquistato 11.500 persone. Il Puccini, che quest’anno ha sperimentato il nuovo spazio della Manifattura Tabacchi, ha visto la presenza di oltre 6300 persone. Bene anche le rassegne più periferiche: La luna e i falò, cinque serate alle Piagge, ha visto circa 100 spettatori a sera, mentre il Cinema Tascabile, ovvero lo schermo itinerante nei quartieri ha registrato oltre un migliaio di cittadini per 16 serate.

“Un grande successo – dichiara il sindaco Dario Nardella – che da un lato segnala il feeling mai sopito tra fiorentini e grande schermo, e dall’altro premia la nostra volontà di portare l’Estate Fiorentina in tutta la città, dal centro alla periferia. La cultura, gli spettacoli di qualità, la musica, il cinema: questi gli ingredienti della nostra lunga Estate che abbiamo cercato di rendere il più possibile diffusi in tutti i quartieri. Vedere fiorentini e turisti gomito a gomito per i film d’autore agli Uffizi, le famiglie al Mandela Forum o chi si portava la sedia da casa per assistere agli spettacoli del Cinema Tascabile nelle zone meno centrali mi ha davvero emozionato”.

“Il cinema all’aperto fiorentino gode di ottima salute – rileva Tommaso Sacchi, curatore dell’Estate Fiorentina – e la città ha vissuto un’estate ricchissima. Grazie agli investimenti fatti negli anni, anche attraverso l’Estate, gli operatori culturali hanno potuto predisporre tanti grandi schermi in città che hanno portato in poco tempo a moltiplicarsi le arene cinematografiche e le visioni del cinema d’autore. Senza dimenticare che il cinema all’aperto rappresenta, anche nel mese di agosto, un’opportunità per i tanti che non possono lasciare Firenze e che possono scegliere tra un’ampia offerta di spettacoli a ingresso gratuito o a prezzi assolutamente calmierati”.

3 proiezioni dedicate al ’68 a cura di Firenze Film Corti Festival

Posted on

Eventi satelliti del 5° Firenze FilmCorti Festival

Ciclo di film “Prima e dopo il ‘68”

Le Murate Progetti Arte Contemporanea

PROGRAMMA

7 settembre ore 18.00 – 20.00 Baci rubati (FR 1968) di F. Truffaut

Terzo capitolo della saga dedicata ad Antoine Doinel, il film, girato tra il febbraio e marzo 1968, risente delle lotte del periodo. In particolare è condizionato dall’improvviso licenziamento di Henri Langlois, brillante direttore della Cinemateque, da parte del Governo francese. Il film viene dedicato proprio a Langlois, che sarà poi reintegrato a furor di popolo nel maggio successivo. Malgrado questi contrattempi, Baci rubati risulta essere uno dei prodotti più genuini e spontanei della cinematografia di Truffaut ed una delle commedie meglio riuscite, con la sua leggerezza e spontaneità, del cinema francese.

14 settembre ore 18.00-20.00 Cinque pezzi facili (Usa 1970) di Bob Rafelsion

Storia di un pianista, Bobby Dupea, che trova sempre più soffocante la vita nella sua famiglia e decide di andare via con una ragazza, Rayette, con la quale non ha un forte legame. La notizia di una grave malattia del padre lo costringe a tornare a casa, da dove fuggirà per l’ennesima volta in presa a sensazioni di soffocamento e intolleranza all’ambiente. Capolavoro di Bob Rafelson, il film è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

18 settembre ore 18.00-20.00 Zabriskie point (Usa 1970) di M. Antonioni

Spaccato della contestazione studentesca nell’America del ’68 – ’70. In questo contesto due giovani, Mark e Daria si incontrano a Zabriskie Point nella Valle della Morte. Mark ha rubato un aereo turistico, mentre Daria è alla guida della sua auto dalla Californi verso l’Arizona per un importante appuntamento di lavoro. Sarà un incontro folgorante, ma il destino li separerà.

Alle Arene di Marte sette grandi anteprime internazionali

Posted on

Sette serate che attingono ai grandi festival internazionali proponendo film che troveremo nelle sale la prossima stagione. Festival dei Festival è la rassegna che, come da tradizione, chiude la programmazione agostana di “Cinema sotto le stelle” alle Arene di Marte del Mandela Forum di Firenze.

Inaugura giovedì 23 agosto “Mister Long” del regista giapponese Sabu, storia di uno spietato killer che tenta una nuova vita come cuoco. Un’originale fiaba sul rapporto adulto-bambino che si muove con destrezza tra i generi, dalla crudezza alla Park chan-wook alla dolcezza che ricorda il Takeshi Kitano dell’Estate di Kikujiro.

Venerdì 24, sempre all’Arena Grande, “Il maestro di violino”: diretto da Sérgio Machado, il film ripercorre le vicende di Laerte, insegnante di musica in una favela di San Paolo del Brasile.

Lunedì 27 Rebekah Fortune svela “Il segreto di Charlie”, giovanissimo asso del calcio combattuto tra carriera sportiva e femminea identità. Un Sognando Beckham al contrario, che si inserisce nella medesima tradizione cinematografica inglese.

Palma d’oro all’ultimo Festival di Cannes, “Un affare di famiglia” è il capolavoro del regista giapponese Kore’eda Hirokazu che vedremo in anteprima martedì 28, ritratto agrodolce di una famiglia ai margini della società. Il film sviluppa la tematica più cara al regista: la famiglia. Quanto conta il legame di sangue? Quanto l’affetto?

Da Cannes, dove ha ottenuto ben quattro riconoscimenti, arriva anche “Girl”, debutto alla regia del ventisettenne belga Lukas Dhont, mercoledì 29 sempre all’Arena Grande. Il film è la storia di Lara, che vuole diventare una ballerina professionista, ma è nata in un corpo di ragazzo con cui deve fare i conti tutti i giorni…

E ancora, giovedì 30 agosto “Campeones” di Javier Fesser, storia di un allenatore di basket alle prese con una squadra di giocatori disabili. Campione di incassi in Spagna, una riuscitissima commedia che diverte, commuove e scalda il cuore.

Le anteprime del Festival dei Festival si chiudono venerdì 31 con “Lola + Jeremy” di July Hygreck, bizzarra e romantica commedia francese. Quando Lola scopre che il fidanzato le ha mentito, decide di lasciarlo. Per riconquistarla Jeremy dovrà provarle tutte, facendosi aiutare da amici molto creativi…

Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli in italiano.

La programmazione delle Arene di Marte continua fino al 2 settembre.

ARENE CHIUSE DOMENICA 26 AGOSTO –  Domenica 26 agosto, in occasione della partita serale Fiorentina-Chievo allo stadio Franchi, le Arene di Marte resteranno chiuse.

Si accede alle Arene di Marte da piazza Berlinguer. Biglietto 5 euro (dal lunedì al giovedì ridotto 4 euro con tessera soci Coop). Per le proiezioni delle anteprime il biglietto costa 7 euro (ridotto 6 euro, dal lunedì al giovedì). Prevista una tessera fedeltà che consente un ingresso gratuito ogni cinque.

L’orario d’inizio delle proiezioni – arena grande ore 21.15, arena piccola ore 21.30 – è sfalsato per consentire un afflusso più ordinato.

Tutte le sere dalle ore 20 è aperto l’ottimo e collaudato ristorante del cinema, con tavoli sistemati nel verde.

Giunta alla 26° edizione, la rassegna Cinema sotto le stelle delle Arene di Marte è organizzata dall’Associazione Nelson Mandela Forum e curata da Stefano Stefani in collaborazione con la fondazione Stensen. Eventi, incontri con gli autori e anteprime di fine agosto sono a cura di Michele Crocchiola. Nell’ambito dell’Estate Fiorentina promossa dal Comune di Firenze.

Info tel. 055 678841 – www.mandelaforum.it.

Programma Arene di Marte agosto/settembre 2018
Gio 23/8     Arena Grande, ore 21:15: Mister Long di Sabu, 129’ v.o. sott.it.
Gio 23/8    Arena Piccola, ore 21,30: The Party  di Sally Potter, 71′
Ven 24/8     Arena Grande, ore 21:15:Il maestro di violino di Sérgio Machado, 102′ v.o. sott.it
Ven 24/8     Arena Piccola, ore 21,30: Napoli velata    di  Ferzan Ozpetek, 113′
Sab 25/8    Arena Grande, ore 21:15: Dogman di  Matteo Garrone, 102′ VM 14
Sab 25/8     Arena Piccola, ore 21,30: La melodie di Rachid Hami, 102′
Dom 26/8     CHIUSO
Lun 27/8     Arena Grande, ore 21:15:Il segreto di Charlie di Rebekah Fortune, 99’ v.o. sott.it
Lun 27/8     Arena Piccola, ore 21,30: The Square di Ruben Ostlund, 145′
Mar 28/8    Arena Grande, ore 21:15: Un affare di famiglia di Kore’eda Hirokazu, 121’  v.o. sott.it
Mar 28/8    Arena Piccola, ore 21,30: La casa sul mare di Robert Guédiguian, 117′
Mer 29/8     Arena Grande, ore 21:15: Girl di Lukas Dhont, 105’ v.o. sott.it
Mer 29/8    Arena Piccola, ore 21,30: Loving Vincent di Dorota Kobiela, Hugh Welchman, 95′
Gio 30/8    Arena Grande, ore 21:15: Campeones    di  Javier Fesser, 124’ v.o. sott.it
Gio 30/8    Arena Piccola, ore 21,30: A quiet passion di Terence Davies, 125’
Ven 31/8    Arena Grande, ore 21:15: Lola + Jeremy di July Hygreck, 85’ vers.it.
Ven 31/8    Arena Piccola, ore 21,30: Due sotto il burqa di Sou Abadi, 88′
Sab 1/9     Arena Grande, ore 21:15: Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino, 132′
Sab 1/9     Arena Piccola, ore 21,30: I segreti di Wind River di Taylor Sheridan, 111′
Dom 2/9     Arena Grande, ore 21:15: Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson, 130′
Dom 2/9    Arena Piccola, ore 21,30: Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh, 115′

Arene di Marte 2018
c/o Nelson Mandela Forum
piazza Berlinguer – Firenze
Info tel. 055 678 841
www.mandelaforum.it

Cinema sotto le stelle nelle Arene del Mandela per tutto agosto

Posted on

Il cinema sotto le stelle nelle arene estive del Mandela Forum continua fino al 2 settembre!

Momenti di programmazione di alta qualità, tra grandi titoli della stagione invernale e pellicole di qualità trascurate dalla grande distribuzione, Arena di Marte: il cinema all’aperto al Mandela Forum | Programma
Come di consueto saranno due le arene: Grande e Piccola, le proiezioni iniziano alle 21.15 nell’Arena Grande e alle 21.30 nell’Arena Piccola

Tutte le sere dalle ore 20 è aperto il ristorante del cinema con tavoli sistemati nel verde.

——————————————–

Ingresso €5

SCARICA QUI LA PROGRAMMAZIONE DI AGOSTO

mandelaforum.it

 

Ultimi giorni di cinema agli Uffizi, con un ciclo di film dedicati alla Liberazione

Posted on

Ultimi giorni di programmazione dell’arena degli Uffizi con la rassegna “Libera Italia!” dedicata alla Liberazione di Firenze e d’Italia al cinema.  Apriti Cinema si concluderà proprio l’11 agosto, giorno della liberazione di Firenze dalla seconda Guerra Mondiale. 

Ecco tutti i titoli in programma:

Lunedì 6 agosto ore 22.00 

Tutti a casa di Luigi Comencini (Italia, 1960, 120′)

Il sottotenente Innocenzi, travolto come tutti i suoi commilitoni dall’armistizio dell’ 8 settembre 1943, cerca di tornare a casa nell’Agro Pontino, insieme a tre militari del suo reparto. Con il gruppo affronta diverse peripezie, ma quando finalmente la meta è raggiunta suo padre vorrebbe vederlo arruolato con i tedeschi.

Martedì 7 agosto ore 22.00 

C’eravamo tanto amati di Ettore Scola (Italia, 1974, 127′)

Tre amici, uniti nel ricordo della Resistenza, prendono altrettante strade che li porteranno ad affrontare l’Italia del dopoguerra, condividendo, oltre all’amore per la stessa donna, anche un senso di delusione e malinconia per i tanti sogni infranti della gioventù.

Mercoledì 8 agosto ore 22.00 

L’uomo che verrà di Giorgio Diritti (Italia, 2009, 117′)

Alle pendici di Monte Sole, sui colli appenninici vicini a Bologna, la comunità agraria locale vede i propri territori occupati dalle truppe naziste e molti giovani decidono di organizzarsi in una brigata partigiana.

Giovedì 9 agosto ore 22.00 

Achtung! Banditi! di Carlo Lizzani (Italia, 1951, 95′)

La lotta partigiana a Genova e in Liguria, dalle organizzazioni clandestine in città e nelle fabbriche alla guerriglia sulle montagne e alla battaglia aperta nelle ultime fasi del conflitto. La vicenda ruota attorno a un gruppo di partigiani che scendono in città per prelevare armi in una fabbrica. La fabbrica però è occupata dai tedeschi. I partigiani vengono scoperti, ma gli operai li difendono. I nazisti stanno per avere la meglio quando arriva un reparto d’alpini e li mette in fuga. La città intanto sta per essere liberata.

Venerdì 10 agosto ore 22.00

Omaggio a Vittorio Taviani in collaborazione con SNCCI Gruppo Toscano

La notte di San Lorenzo di Paolo e Vittorio Taviani (Italia, 1982, 105′)

Estate del 1944, il paese di San Martino è nel mezzo della guerra di Resistenza, i nazisti all’approssimarsi delle truppe alleate ordinano a tutta la popolazione di riunirsi nel duomo. Un gruppo di uomini, donne e bambini, guidato dal fattore Galvano, temendo una possibile trappola, decide di fuggire e abbandona il paese col favore della notte, per andare incontro agli americani che arrivano da sud.

Sabato 11 agosto ore 22.00

Company Blu – Danza e Arti performative, presenta

Destinata Guerriera di e con Isabella Giustina (20’)

Un progetto ispirato alla figura della donna guerriera nei poemi cavallereschi, ideale antesignana delle combattenti per la libertaà.

A seguire Paisà di Roberto Rossellini (Italia, 1946, 125′)

Racconto in sei episodi sulla campagna di liberazione dell’Italia dal nazifascismo. Una ragazza siciliana fa da guida a una pattuglia americana; uno sciuscià ruba le scarpe a un membro della polizia militare americana ubriaco; una giovane prostituta ritrova un soldato americano conosciuto il giorno della liberazione; Lupo, ex artista e ora capo partigiano, combatte gli invasori; tre cappellani militari trovano accoglienza in un convento isolato; sul Delta del Po partigiani e americani combattono contro i tedeschi.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

dal 28 luglio al 1 agosto tutti gli appuntamenti del Nuovo Cinema Puccini Garden

Posted on

Dal 28 luglio al 1 agosto il programma del Nuovo Cinema Puccini Garden! 

sabato 28 luglio

ore 18.00

>TEATRO PER BAMBINI

La Bella Addormentata nel bosco

con i Pupi di Stac

La celeberrima fiaba, scritta da Perrault alla fine del ‘600 con una trama terribile e poi ripresa dai Grimm nell’800, è nota soprattutto per la serena versione cinematografica di Walt Disney. Il nostro spettacolo è interpretato dai burattini (questa volta eccezionalmente senza gambe) e ambientato un grande Castello pieno di torri, terrazzi, spalti e stanze segrete. Qui vivono il Re e la Regina insieme a molti servitori. Berto e Faustina, camerieri, con la cuoca e lo stalliere, servi sciocchi, assistono alla vicenda e interagiscono con il pubblico dei bambini sdrammatizzando le scene più paurose ed emozionanti. Non mancano certamente le Fate buone e la Fata cattiva, il Principe a cavallo e la vecchia tessitrice con il fuso. Così come non mancherà un’ultima inattesa emozione prima del necessario lieto fine.

 ore 21.30

>CINEMA & MUSICA – Film che parlano di musica e passione musicale

Frank

di Lenny Abrahamson (119’)

Per un giovane aspirante musicista è una fortuna finire a suonare con Frank, o un terribile guaio? Perché Frank non è solo il leader di una band d’avanguardia dal nome impronunciabile, i Soronprfbs. Frank non è solo un genio della musica. Frank ha un vezzo inquietante: porta una gigantesca maschera di cartapesta. Forse è un pazzo, forse un profeta. Ma dopo aver lavorato con lui non sarai mai più lo stesso.

 

domenica 29 luglio ore 21.30

>CINEMA Sorrentino vs Garrone

Gomorra

di Matteo Garrone (117’)

Non era facile fare un film dal libro omonimo di Roberto Saviano eppure Matteo Garrone è riuscito ad attingere da quelle pagine per creare qualcosa di nuovo ed attinente al tempo stesso. Con “Gomorra”, Garrone decide di prendere lo spettatore dallo stomaco alla gola, raccontando una terra campana che urla più di chi ci cammina sopra…

 

lunedì 30 luglio ore 21.30

>CINEMA Gli imperdibili – Il cineforum dell’estate

La verità negata

di Mick Jackson (104’)

Basato sul famoso libro “Denial: Holocaust History on Trial” di Deborah E. Lipstadt, il film racconta della battaglia legale intrapresa dall’autrice, interpretata dal premio Oscar Rachel Weisz, contro il negazionista David Irving (Timothy Spall) che negava l’Olocausto e che citò la scrittrice in giudizio per diffamazione.

 

martedì 31 luglio ore 21.30

>THE LOST GENERATION

introduzione alla proiezione a cura di Pietro Grossi

Furore

di John Ford (129’)

Dall’Oklahoma alla California a bordo di un vecchio camion, la famiglia contadina di Tom Joad, travolta come migliaia di altre dalla Grande Depressione del 1929, affronta un avventuroso viaggio verso la “terra promessa” dove trovare lavoro.

 

mercoledì 1 agosto ore 21.30

>Serata con la Compagnia delle Seggiole

GRILLO SWING

L’omaggio al Grillo Canterino della Compagnia delle Seggiole accompagnato da musiche e canzoni di Odoardo Spadaro.

 

È presente un punto vendita de La libreria dei lettori, aperta tutte le sere.

———————————————————————————————————-

 

Cortile della Ciminiera – Manifattura Tabacchi

via delle Cascine 33, Firenze

 

INFORMAZIONI: 055.362067

www.teatropuccini.it  – info@teatropuccini.it – www.facebook.com/teatro.puccini