Estate a San Salvi

Estate a San Salvi, edizione n. 23. Festival Storie differenti, eventi di Teatro, Musica dal vivo, Cinema. Gli spettacoli si svolgeranno a settembre e ad agosto, un mese che da sempre trova proprio a San Salvi occasioni di incontro e di ri-creazione di Comunità.

  • 03.08.2021
  • 04.08.2021
  • 05.08.2021
  • 08.08.2021
  • 09.08.2021
  • 10.08.2021
  • 11.08.2021
  • 12.08.2021
  • 13.08.2021
  • 15.08.2021
  • 26.08.2021
  • 27.08.2021
  • 28.08.2021
  • 29.08.2021
  • 02.09.2021
  • 03.09.2021
  • 04.09.2021
  • 06.09.2021
  • 07.09.2021
  • 08.09.2021
  • 10.09.2021
  • 11.09.2021
  • 12.09.2021
a cura di Chille De La Balanza

Estate a San Salvi, edizione n. 23, è il più longevo dei progetti dell’Estate Fiorentina, nato insieme ad essa.

Quest’anno, nel rispetto delle normative anti-Covid, assume un particolare significato e valore.

In un calendario di soli 45 giorni, proponiamo il Festival Storie differenti, eventi di Teatro, Musica dal vivo, Cinema.

Gli spettacoli si svolgeranno a settembre e ad agosto, un mese che da sempre trova proprio a San Salvi occasioni di incontro e di ri-creazione di Comunità.

Quando

Dal 1° agosto al 12 settembre 2021, vedi programma

Dove

Via di San Salvi, 12 - pad. 16 FIRENZE

Come

Eventi a pagamanto, vedi programma

Info

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o chiamando il 335.6270739

Per l'accesso agli spettacoli, come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedent

Programma AGOSTO

3-4-5 agosto 2021 | ore 21:30

IL GIORNO CHE E’ SPROVVISTO IL MAGGIOR PENETRO

Compagnia Chille de la balanza

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 15 € – Ridotto Coop/Arci 12 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

Come un linguaggio onirico, nascosto, si crea e si sviluppa: Il giorno che è sprovvisto il maggior penetro, uno spettacolo ispirato (d)alle parole di un uomo residente in una struttura per disabili negli anni ’70.

Chi parla non è in possesso delle regole semantico-lessicali né di un corretto vocabolario, eppure…parla! Parla le parole, le sue parole, impresse in sequenze di cui è ancora possibile sentirne il ritmo, e forse, un senso.

A prender vita sono dunque le immagini, i sogni, le fantasie e le speranze. Come in un ciclico susseguirsi di giorni, il tempo esce dai cardini: resta l’uomo nel suo costante tentativo di trovare un rapporto con tutto ciò che lo circonda, anche quando la capacità di comunicazione sembra esser compromessa.

L’attore, unico in scena, è seduto ad un tavolo, davanti ad un registratore a nastri e al proprio mondo di luci, suoni e oggetti. Tutto nasce e muore per ricrearsi ancora, giocando con il protagonista in una polifonia di effetti, spesso divertenti e poetici, che si riduce via via fino al ritrovamento di una propria intimità e tenerezza.

E’ la tenerezza, forse, che lo spettatore è chiamato a vivere (più che a capire), nel tentativo di stabilire, anche se per poco, una relazione di vicinanza.

 

8-9-10 agosto 2021 | ore 21:30

LA PESTE

Compagnia Chille de la balanza

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 15 € – Ridotto Coop/Arci 12 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

“La peste”, considerata una metafora di quella spaventosa epidemia che negli anni quaranta dilagò in Europa con il nome di nazionalsocialismo, oggi, a più di settant’anni dall’uscita del libro, richiama invece un’interpretazione fedelmente letteraria di ciò che descrive.

L’emergenza pandemica ritorna a ricordarci quanto siamo esposti a nuovi e invasivi patogeni e come la loro diffusione sia ancora in grado di modificare radicalmente rapporti, relazioni, vita sociale e culturale, economia e diritti: chi avrebbe mai immaginato che non una singola, limitata città, ma un’intera nazione e poi un continente e infine il mondo diventasse un enorme, impensabile spazio recluso?
Come potremmo reagire noi? Noi, in quanto collettività? E io, in quanto individuo? E’ una storia che riguarda tutti, fa dire Camus ad uno dei personaggi centrali del romanzo (Rambert), sottolineando quella responsabilità collettiva, che ricorre spesso nei suoi scritti.

Alla fine del romanzo, anche la peste degrada, si attenua, perde virulenza. La quarantena è annullata. La vita riprende a scorrere. Il paese è in festa, tutti ballano, ma le solitudini restano.Camus e i Chille con lo scrittore evidenziano che – sembra – tutti vogliano pensare che la peste possa venire e se ne possa andare senza che il cuore dell’uomo ne sia modificato: ma può essere così? Si può attraversare il male senza esserne toccato?
Oggi noi riflettiamo che anche l’epidemia di coronavirus sembra stia passando. Lascerà strascichi, com’è inevitabile, ma soprattutto lascerà anche un senso profondo di amarezza su come si continui a reagire, con i medesimi meccanismi del passato, a eventi di cui già abbiamo vissuto esiti tragici.Ancora una volta Camus, impenitente umanista, con la sua sensibilità, forse ci aiuta a capire. “Io mi sento – fa dire lo scrittore al suo doppio, il dottor Rieux – io mi sento più solidale coi vinti che coi santi. Non ho inclinazione, credo, per l’eroismo e per la santità. Essere un uomo, questo m’interessa.”

 

11-12-13 agosto 2021 | ore 21:30

C’ERA UNA VOLTA… IL MANICOMIO

Compagnia Chille de la balanza

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 15 € – Ridotto Coop/Arci 12 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

“C’era una volta…il manicomio”, affabulazione itinerante di e con Claudio Ascoli, è un viaggio nella memoria: duro, emozionante, divertente, ogni sera diverso dalla precedente… perché San Salvi possa davvero ripartire dalla cultura e dalla memoria!
Tre repliche da mercoledì 11 a venerdì 13 agosto, che si aggiungono alle oltre 600 ad oggi.

“C’era una volta…il manicomio”, nata nel lontano 1999, ogni sera diversa dalle precedenti, ha superato i 60.000 spettatori! Vanta il riconoscimento di Unesco e Consiglio d’Europa come Passeggiata patrimonialeproprio grazie alla parte in cui Ascoli accompagna i suoi passeggiatori lungo i viali di San Salvi, come in un viaggio nella memoria che si confronta l’oggi.

Negli ultimi anni l‘evento ha girato in lungo e largo tra gli ex-manicomi italiani – tra cui, oltre Firenze, Trieste, Gorizia, Udine, Volterra, L’Aquila, Aversa, Napoli, Reggio Emilia, Quarto-Genova, Fermo e Palermo – in edizioni riferite alle singole realtà e situazioni.

Su “C’era una volta…” sono stati scritti saggi, redatte tesi e condotti dottorati di ricerca, e negli anni si sono accumulate decine di recensioni critiche: ci piace qui riportare il commento, che oggi appare quasi profetico, scritto dal critico Enrico Fiore nel 2015: “La situazione odierna, purtroppo, non appare diversa, poiché, se è stato eliminato il manicomio, non è stato eliminato ciò che stava dietro il manicomio. Scontiamo, tutti, la stessa condizione che fu degli ex matti. I meccanismi di potere ci privano del nostro «status» di persone e, dunque, della possibilità di stabilire un contatto vero e proficuo con gli altri. Siamo dei semplici numeri su un cartellino, appunto com’erano i ricoverati negli ospedali psichiatrici.”

 

15 agosto 2021 | ore 21:30

RICCARDO TESI E BANDITALIANA in concerto

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 15 € – Ridotto Coop/Arci 12 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

Ritornano a San Salvi gli attesissimi Riccardo Tesi e Banditaliana con il concerto di Ferragosto (domenica 15 agosto ore 21.30).

Sono ormai tanti anni che, nel giorno di Ferragosto, Tesi e i suoi compagni deliziano il numeroso pubblico sansalvino con la loro musica. Bravura, esperienza, passione, ironia, impegno: queste, e molte altre, sono le qualità di un gruppo che ha fatto della musica tradizionale e popolare, contaminata con le musiche dal mondo, il suo passaporto per un successo internazionale.

Così il Maestro Tesi racconta il loro lavoro: “Suoniamo da quasi 30 anni insieme. Siamo partiti umilmente dalla nostra piccola provincia di Pistoia e passo dopo passo ci siamo fatti conoscere prima a livello nazionale e poi internazionale, suonando in mezzo mondo, fino all’Australia, Giappone, Canada.

Ma è presto per iniziare a sfogliare l’album dei ricordi, ci aspettano ancora tante belle avventure musicali. Ci divertiamo ancora tanto a suonare insieme, e il pubblico coglie questa nostra felicità. Il segreto? La passione, mantenere quella scintilla che ci ha fatto scegliere di prendere in mano uno strumento e sentire che quella per noi era la cosa migliore da fare.

Avere una passione forte, di qualsiasi tipo, aiuta a vivere bene. A volte anche io sono sorpreso dall’energia che ancora circola sul palco e francamente non ho una risposta da dare; è una cosa che semplicemente succede, è chimica, magia!”

In scena a San Salvi, con Riccardo Tesi, Claudio Carboni, Maurizio Geri e Gigi Biolcati.

 

26-27 agosto 2021 | ore 21:30

NAPULE ‘70

Compagnia Chille de la balanza

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 12 € – Ridotto Coop/Arci 10 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

Settembre 1973: a Napoli il colera. Sono le cozze, ’e còzzeche – racconta Claudio Ascoli – ad essere incolpate. Negli stessi giorni una giovane compagnia sta risistemando a Port’Alba uno scantinato che di lì a pochi giorni diventerà il Teatro, Comunque. sì… con la virgola e il punto, come a sottolinearne la necessità!». La compagnia si chiamava e si chiama Chille de la balanza. La fonda e la guida Claudio Ascoli, ultimo rampollo di una famiglia di teatranti napoletani.

Sono i magici anni ’70 di Napoli che si chiudono il 23 novembre 1980: il terremoto. I Chille trovano casa in Toscana e dal 1998 a San Salvi, l’ex-manicomio di Firenze, dove inventano una Residenza teatrale con ad oggi oltre 600.000 presenze.

2020: nasce Napule ’70, uno spettacolo che parte dagli anni ’70 a Napoli, un emozionante-divertente incontro tra corpi di allora e di adesso: “Le cose più belle non sono quelle che hanno senso, ma quelle che hanno sensi, che ti prendono il corpo, nella totalità”.

E ora, dopo il lockdown, nel distanziamento non solo fisico ma sociale che ci spinge a scegliere tra Vita e Sopravvivenza?

 

28 agosto 2021 | ore 21:30

GRAN KABARET SWING

Compagnia Teatro Popolare d’Arte – Mascarà

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 12 € – Ridotto Coop/Arci 10 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

GRAN KABARET SWING
con RENZO LUISE & SWING EXPLOSION

Renzo Luise chitarra

Stefano Montagnani chitarra

Francesco Giorgi violino

Alessandra Cecala contrabbasso 

Renzo Luise Da Fano, classe 1975, coltiva da più di tre lustri il dispotico obiettivo di divulgare la musica di Django Reinhardt alle masse. Il suo stile è frutto di studi sapienti, precoci e assolutamente irregolari. Subisce il fascino di tutta l’autentica musica “hot”, ricca di poesia, carica di energia e virtuosismo ma al contempo scevra di quella frenesia che contraddistingue la musica moderna, che gli piace molto ma lo affatica oltremodo. Nonostante la sua nota passione per il “dolce far niente” ha suonato in innumerevoli formazioni, dal Duo alla Big Band, infaticabile nel suo proposito di portare un po’ della musica di Django ovunque gli capiti di andare. Gli Swing Explosion lo accompagnano in questa avventura.

 

29 agosto 2021 | ore 21:30

GLI ULTIMI SARANNO ULTIMI

Compagnia Teatro Popolare d’Arte – Mascarà

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 12 € – Ridotto Coop/Arci 10 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

Un’operaia incinta si ritrova disoccupata alla vigilia del parto. La donna è disperata e la sua reazione è improvvisa: irrompe sul posto di lavoro e prende in ostaggio la responsabile del suo licenziamento. Una vicenda vissuta tutta in una notte, in cui si incrociano i destini di uomini e donne normalmente distanti tra loro: una fredda dirigente d’azienda piegata alle leggi di mercato, un’ingenua poliziotta di provincia, un transessuale sarcastico e disilluso, una saggia donna delle pulizie fissata con le canzonette e un bambino che sta per nascere… e se decidesse di venire al mondo proprio quella notte? Una sola attrice in scena interpreta tutti i protagonisti di questa storia in un monologo esilarante e dissacrante. Un autentico capolavoro tragicomico, figlio dei nostri tempi, pronto a sorprendervi commossi e divertiti.

PROGRAMMA SETTEMBRE

2 settembre 2021 | ore 21:00

MY SWEET GEORGE

Compagnia Teatro delle Selve

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10 € – Ridotto Coop/Arci 8 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

Testo, drammaturgia e regia: Franco Acquaviva

Con Franco Acquaviva, Mario Raffaele Conti, Elia Perboni

Video editing: Mario R. Conti

Regia audio-luci: Stefano Acquaviva

Un uomo si sveglia in un luogo che non riconosce, non ha più ricordi, non sa chi è. Ad assisterlo due personaggi che a poco a poco, con l’ausilio di racconti e di immagini, lo aiutano a ricostruire la sua vita.
Immagini e racconti che ci riportano in quella fase della storia occidentale in cui sembrò di essere sulla soglia di un grande risveglio spirituale diffuso: il movimento hippie, la Summer of Love di San Francisco, e soprattutto la musica e la scoperta delle tradizioni spirituali dell’India.
Ci fu un momento nella storia del rock in cui questa musica così terragna e sensuale sembrò ricercare l’incontro con una dimensione spirituale a essa radicalmente opposta. Questo afflato prendeva corpo a partire dalla presenza concreta di alcuni Guru indiani che avevano scelto la terra americana per diffondere gli insegnamenti dei Veda. Per esempio Parahmansa Yogananda e Bhaktivedanta Prabhupada.

Questo cortocircuito stimolò e accese non poche grandi personalità del rock mondiale; due esempi su tutti: Elvis Presley (già, chi se se lo sarebbe mai aspettato?), ma soprattutto George Harrison.
Anche di My Sweet Lord, audace e riuscitissimo tentativo di far convivere gli stilemi della pop song con l’afflato verso il divino, e del suo autore racconta questo spettacolo, nel cinquantenario della pubblicazione della canzone-mantra di Harrison.

 

3 settembre 2021 | ore 21:00

L’INQUISITORE

Accademia Minima

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10 € – Ridotto Coop/Arci 8 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

“Sono abbastanza capace di costruire da me i miei inferni ed i miei paradisi”

I. Bergman

L’inquisitore

Sulla solitudine del potere come possibilità

Uno studio di Francesco Chiantese

prodotto da Accademia Minima

con Francesco Chiantese

scritto in residenza creativa presso la Chiesa di San Simeone a Rocca d’Orcia si ringrazia per il dialogo fondamentale Sara Bensi, Eleonora Palmieri, Simona Dominici, Elisa Bartoli, Gianpaolo Colantone.

Inconsapevolmente essenziali i dialoghi, negli anni, con il contrabbassista Maurizio Costantini e con tante donne ed uomini che si sono lasciati incontrare sulla loro soglia.

Un uomo solo è in scena; in piedi, davanti ad altri uomini.

In sé tutte le possibilità; esso è il potere.

E’ solo come un uomo che fa domande ad un Dio che traccia segni nella sabbia, invece di rispondere.

Accanto a lui gli strumenti per amplificare sé stesso; le proprie giustificazioni, i propri alibi, per costruire l’immaginario del mondo dove scegliere liberamente in forma di costrizione.

Francesco Chiantese legge un suo testo originale che non sarà mai completato; si rinnoverà ad ogni recita stratificandosi. Inglobando riscritture, reazioni, elementi che provengono dal quotidiano; il riferimento centrale, tanto che lo spettacolo può esserne considerato una riscrittura, è alla “Leggenda del grande inquisitore” contenuta de “I Fratelli Karamazov” di Fëdor Dostoevskij.

 

4 settembre 2021 | ore 21:00

Festival Storie Differenti | Evento di apertura IO

Compagnia RezzaMastrella

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 15,00 € – Ridotto Coop/Arci 12,00 € (evento fuori abbonamento Festival)

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

IO

con Antonio Rezza

spettacolo a più quadri di Antonio Rezza e Flavia Mastrella

produzione RezzaMastrella e La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello

Il radiologo esaurito fa le lastre sui cappotti dei pazienti mentre un essere impersonale oltraggia i luoghi della provenienza ansimando su un campo fatto a calcio.

Io cresce inumando e disumano, inventando lavatrici e strumenti di quieto vivere. Il radiologo spossato avvolge un neonato con l’affetto della madre, un individualista piega lenzuola a tutto spiano fino ad unirsi ad esse per lasciare tracce di seme sul tessuto del lavoro.

Io mangia la vita bevendo acqua rotta che è portavoce dell’amaro nascere. E, affacciato sul mondo terzo dove scopre che, tra piaghe e miseria, serpeggia l’appetito non supportato dalla tavola imbandita.

Infine la catastrofe: Io si ridimensiona…

 

6 settembre 2021 | ore 21:00

Festival Storie Differenti | UBU RE, UBU CHI?

KanterStrasse

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto Coop/Arci 8,00 €

Abbonamento Festival: 3 spettacoli 15,00 €.

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

UBU RE, UBU CHI?

drammaturgia e regia Simone Martini
con Daniele Bonaiuti, Simone Martini, Alessio Martinoli

Ubu Re è uno dei testi che compongono la quadrilogia di Alfred Jarry: irriverente, cattivo, grottesco, difficilmente inquadrabile. Tutto inizia dal debutto parigino, dove il pubblico vide quell’incredibile personaggio avanzare al grido di “MERDRE!”.

KanterStrasse parte da qui per raccontare il primo dei capitoli della saga di Padre e Madre Ubu, da quella parola, da quel grido capace di rompere qualsiasi equilibrio, qualsiasi immagine di elegante compostezza. Propone un Ubu pensato per parlare agli adulti e ai bambini, sempre attuale perché le regole alla base del gioco sono sempre le stesse: il potere, la ricchezza e l’ingordigia che porta a consumare e a consumarsi sempre troppo velocemente.

 

6 settembre 2021 | ore 22:30

Festival Storie Differenti | LA PARTE MALEDETTA. VIAGGIO AI CONFINI DEL TEATRO

Teatro Akropolis

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto Coop/Arci 8,00 €

Abbonamento Festival: 3 spettacoli 15,00 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

Un ciclo di documentari realizzati da Teatro Akropolis e AkropolisLibri, diretti da Clemente Tafuri e David Beronio.

“La parte maledetta. Viaggio ai confini del teatro” è una serie di ritratti d’autore, di racconti dedicati ad alcuni artisti, performer, filosofi, studiosi che, negli ultimi dieci anni, hanno condiviso con Teatro Akropolis un tratto del loro cammino.

«Costruire un immaginario fatto di simboli e rimandi, di immagini e di suoni, vuol dire consacrare un bosco all’interno del quale tenere pulita una radura: lo spazio della performance, libero, finalmente, di tutto l’apparato intellettuale e letterario che lo circonda».

Verranno presentati i seguenti documentari:

Paola Bianchi regia Clemente Tafuri e David Beronio

Massimiliano Civica regia Clemente Tafuri e David Beronio

 

7 – 8 -10- 11- 12 settembre 2021 | ore 20:30

Festival Storie Differenti | BAUDELAIRE… A PEZZETTI. Teatro – Danza – Immagini

un omaggio di Chille de la balanza

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Ingresso libero ma con prenotazione obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

Microeventi 15-20’- Cortile dei pini

In occasione del 200.mo anniversario della nascita di Charles Baudelaire, i Chille, da sempre innamorati del poeta maledetto, regaleranno agli affezionati spettatori sansalvini un omaggio intitolato “Baudelaire…a pezzetti”. Tutte le sere frammenti tratti da “I fiori del male” e da “Piccoli poemi in prosa” vivranno in coinvolgenti azioni di Teatro, Danza, Immagini, restituendo la magica e crudele poesia baudelairiana.

 

7 settembre 2021 | ore 21:00

Festival Storie Differenti | COME DIVENTARI ITALIANI. IL TUTORIAL

Teatro Miela – Compagnia Bonawentura

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto Coop/Arci 8,00 €

Abbonamento Festival: 3 spettacoli 15,00 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

di Laila Wadia e Chiara Boscaro
con Marcela Serli
regia Sabrina Morena / produzione Bonawentura soc. coop.

Un gioco tragico-comico fra stereotipi e scorciatoie sulla moda, gli usi e i costumi, i gesti, e le parole d’ordine che dipinge il Bel Paese alle prese con le sfide del mondo globalizzato. Istruzioni per l’uso per agevolare un senso di appartenenza spendibile in un’ottica di mercato: questo è il quadro in cui agisce un personaggio femminile di cui non vogliamo svelare il ruolo.

E’ possibile parlare di identità culturali e nazionali in un mondo sempre più sottoposto alle leggi del mercato?

Divertente e amaro si indaga il tema dell’identità culturale e gioca con serietà e leggerezza sugli stereotipi e l’immaginario del mondo attuale.

 

8 settembre 2021 | ore 17:30

Festival Storie Differenti | NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI . Come si trova un posto per crescere?

Cerchio di lettura itinerante

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

Il progetto rappresenta la terza edizione di incontri dedicati alla lettura, dopo “Il cerchio di lettura smart” sviluppatosi on line nel periodo della pandemia ed “Il cerchio di lettura estivo – Ci sono bambini a zig zag” svolto durante la manifestazione Estate a San Salvi dell’anno precedente: prevede un ciclo di 10 incontri di lettura alla scoperta del parco di San Salvi, area dell’ex manicomio.

Il decimo ed ultimo incontro del cerchio di lettura itinerante condotto da Roxana Iftime si svolgerà a casa Chille, nel Cortile dei pini accanto al padiglione 16.

Il cerchio sarà aperto alla partecipazione di tutti i lettori, di tutte le età e preferenze letterarie stimolando così una vastità di contributi e suggestioni.

I partecipanti sono liberi di scegliere in totale autonomia i brani letterari da portare. Il titolo dell’incontro non intende essere vincolante, ma suggerisce una potenziale traccia tematica.

Ogni tappa si svolgerà in un punto diverso del parco e avrà la durata di 1 ora e 30 minuti.

Ogni tappa prevede una tematica generale per ispirare la scelta dei brani portati, ma tutte le proposte saranno rispettate anche se non attinenti alle tematiche prescelte. In ogni caso, per indicare l’argomento di ogni incontro sono state scelte brevi citazioni del libro sopra menzionato che faranno da guida.

Il tempo sarà diviso in parti uguali per ogni partecipante che vorrà condividere il brano scelto.

I lettori saranno altresì incoraggiati a discutere, sollevare domande e contribuire in modo attivo e spontaneo allo sviluppo dell’incontro.

Il cerchio, in questo modo, non rappresenterà solo la forma geometrica scelta per la disposizione dei partecipanti, ma sarà anche il simbolo della condivisione delle idee e del circolare degli stimoli sensoriali, intellettuali ed emotivi. Sarà lo spazio sicuro e continuo dove esplorare sé stessi e gli altri attraverso il movimento, la lettura, la discussione e la relazione.

 

8 settembre 2021 | ore 21:00

Festival Storie Differenti | EVA – Storie di R-esistenza

Catalyst

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto Coop/Arci 8,00 €

Abbonamento Festival: 3 spettacoli 15,00 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

concept e voce Benedetta Manfriani
chitarre e percussioni Sandro Bertieri

Un viaggio tra le canzoni che appartengono al patrimonio musicale popolare italiano, arricchite di sonorità contemporanee e sorprendenti.
La musica è un incredibile strumento alchemico: aiuta a trasformare i brutti momenti in nuova vita, fresca e fragrante. Viene in nostro aiuto con il canto umile e autentico che prorompe dall’umano di ogni tempo e di ogni latitudine, il canto gioioso e dolente, sofferente e benedicente, che grida vendetta e loda, racconta la fatica e la passione, la morte e l’amore. E’ di tutto questo che si vuole dare testimonianza con “Eva”, legando fra loro con parole e musica le tante voci che, affidandosi al canto, hanno saputo resistere. E ci invitano a fare altrettanto.

 

9 settembre 2021 | ore 20:30

Festival Storie Differenti | CONTRO-ANNIVERSARIO INAUGURAZIONE DI SAN SALVI. Il tempo è scorso, si è addensato, è scorso. Dino Campana e Venturino Venturi, internati

Teatro – esposizione

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739

Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti

“Il tempo è scorso, si è addensato, è scorso”

Dino Campana e Venturino Venturi, internati

con Claudio Ascoli

Nel settembre del 1890 così scriveva il dr. Algeri:

«Anche la colta e gentile capitale della Toscana ha un nuovo e grandioso manicomio, che venne inaugurato il giorno 9 del settembre u.s., e che, in omaggio alla memoria del grande alienista empolese, prese il nome di manicomio Chiarugi»

Da molti anni, i Chille hanno deciso di contro-festeggiare tale data, proponendo iniziative che ribaltino il segno dell’inaugurazione, iniziative cioè al cui centro vi sia la Persona.

Quest’estate, l’occasione è stata fornita da una malaugurata cartellonistica, curata dalla Asl Toscana Centro, che ha inteso leggere San Salvi semplicemente descrivendone l’architettura iniziale ed ignorando sia lo straordinario percorso di superamento del manicomio sotto la spinta delle idee di Franco Basaglia – percorso che a Firenze ha visto la determinante partecipazione di giovani, operai, studenti, famiglie oltre che di psichiatri ed infermieri – sia addirittura ignorando alcune delle figure artistiche qui internate.

Va sottolineato che la chiusura del manicomio di San Salvi nel dicembre 1998 fu accompagnata da un progetto che l’ultimo direttore, Carmelo Pellicanò, volle intitolare di concerto con i Chille, “Il tempo è scorso, si è addensato, è scorso”: titolo ripreso da un celebre poema campaniano. Evidente l’intento di collegare il superamento del manicomio alle figure artistiche qui rinchiuse e oggi dimenticate dalla cartellonistica!

I Chille, e Claudio Ascoli in persona, scelgono al contrario di dedicare loro il contro-anniversario: a Dino Campana (che proprio nel padiglione che ospita la compagnia scrisse la sua ultima lettera a Sibilla Aleramo) e al pittore Venturino Venturi, internato nel 4° reparto, dove realizzò alcune opere tra cui una Maternità che sarà esposta nell’occasione, grazie alla cortesia di Lucia Fiaschi – nipote di Venturi e responsabile dell’Archivio Venturino Venturi.

 

9 settembre 2021 | ore 21:00

Festival Storie Differenti | L’ORA CHE VOLGE ‘L DISIO

Teatro Invito

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto Coop/Arci 8,00 €

Abbonamento Festival: 3 spettacoli 15,00 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

concerto jazz teatrale

di e con Luca Radaelli e Arrigo Cappelletti

Il settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri è qui l’occasione per estrarre dalla Divina Commedia quei brani in cui la musicalità costituisce un elemento caratterizzante.

I due artisti – Luca Radaelli e Arrigo Cappelletti – hanno costruito un percorso originale tra i brani più musicali della Divina Commedia, una prospettiva inusuale che esalta il ritmo dei versi in un vero e proprio concerto jazz teatrale. La capacità compositiva e improvvisativa di Cappelletti (jazzista, che gioca però anche con le note di Liszt) crea una scenografia sonora, all’interno della quale la voce di Radaelli conduce gli spettatori in un viaggio poetico ultraterreno.

 

10 settembre 2021 | ore 21:00

Festival Storie Differenti | MESSICO E NUVOLE

Laboratori Permanenti

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto Coop/Arci 8,00 €

Abbonamento Festival: 3 spettacoli 15,00 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

di e con Caterina Casini

Il racconto di un Messico passionale, generoso, sensuale e drammatico, narrato dopo aver conosciuto i suoi artisti, seguendo il filo delle foto di Henri Cartier Bresson e il realismo magico ma anche la crudezza de “Las Muertas”, racconto di Jorge Ibargüengoitia, da cui nasce la parte più dura dello spettacolo: il personaggio di una prostituta che vive tra Messico e Texas.

La forza che il Messico esprime, la libertà dei suoi personaggi, tra cui Frida Khalo e Tina Modotti, di vivere in pieno la propria umanità nell’ironia nello splendore e nel dolore, la creatività che sa innalzarsi senza perdere la sua radice fantastica e popolare, sono i segni fondamentali di questo spettacolo.

 

11 settembre 2021 | ore 21:00

Festival Storie Differenti IL CANTO DELLE SIRENE

Diesis Teatrango

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto Coop/Arci 8,00 €

Abbonamento Festival: 3 spettacoli 15,00 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

progetto musicale e vocale Claudia Bombardella, Silvio Trotta
drammaturgia Piero Cherici / regia Barbara Petrucci, Piero Cherici
con C. Bombardella, S. Trotta, F. Mugnai, B. Petrucci, P. Cherici

Liberamente tratto dal Canto XII dell’Odissea. Le sirene sono mitologiche donne uccello che vivono sugli scogli, intimamente collegate al mondo della musica e del canto; non sono belle, non sono sensuali ma con la loro voce seducono gli uomini e le donne che passano in nave vicino a loro, fino a farli sbattere sugli scogli e successivamente nutrirsene. Il canto delle Sirene è il limite da superare, Superare il canto è accogliere il respiro che ancora non conosciamo, per generare altro canto. Protagonista è proprio il canto in un lavoro performativo che nasce sul tema del viaggio come “andare oltre”, è quel canto che ci esalta e ci seduce cullandoci nelle certezze della nostra esistenza.

 

12 settembre 2021 | ore 21:00

Festival Storie Differenti | ME PAREVA ‘NA FAVOLA

Via di San Salvi, 12 – pad. 16 FIRENZE

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto Coop/Arci 8,00 €

Abbonamento Festival: 3 spettacoli 15,00 €

Prenotazione e prevendita obbligatoria contattando info@chille.it o 335.6270739. Come da normativa vigente a tutti gli spettatori è richiesto di esibire il green pass o un tampone antigenico fatto nelle 48 ore precedenti.

Ideazione, coreografia e interpretazione Leila Ghiabbi
collaborazione artistica Flavia Bucciero
disegno luci Riccardo Tonelli

“Me pareva ‘na favola…” ha come tema una riflessione contro la violenza domestica sulle donne, realizzata attraverso il linguaggio del teatrodanza. Una relazione vissuta dalla donna come concretizzazione di una favola, di un sogno con relativo “principe azzurro”, rapidamente si trasforma, rivelando il lato oscuro di una passione che diviene volontà di possesso, sopraffazione, violenza da parte dell’uomo. La donna rivive, attraverso la sua immaginazione, le diverse fasi di un rapporto, ormai deteriorato, per prenderne pienamente coscienza ed esplodere, alla fine, in un grido di liberazione. Il corpo è luogo privilegiato e fragile in cui le emozioni si manifestano, interagendo con il mondo esterno.

Il calendario eventi è in via di aggiornamento, si prega di consultare anche il sito internet della Compagnia Chille de la balanza:

Compagnia Chille de la balanza, via di San Salvi 12 – Pad. 16 Firenze

335.6270739 | 055.6236195

info@chille.it

Sito web: www.chille.it

Fb: @chilledelabalanza

IG: @chilledelabalanza

Dove trovarci

Estate a San Salvi, Via di San Salvi, 12 - pad. 16 FIRENZE

Estate a San Salvi, Via di San Salvi, 12 - pad. 16 FIRENZE

Via di San Salvi, 12, Firenze FI, Italia