Musica

Festival InCanto d’Estate: Lunatici ma non troppo

                                                                                            

Torna per il quarto anno consecutivo il Festival InCanto d’Estate, a cura di A.Gi.Mus. Firenze e parte dell’Estate Fiorentina del Comune di Firenze.

Dopo gli appuntamenti del mese di luglio, che hanno visto le note di J.S. Bach animare le linee della Tramvia con l’iniziativa “Bac (h)k to the Moon – Notturno in tramvia per violoncelli” e il concerto alla Chiesa di San Michele a Castello per l’anniversario dello sbarco dell’uomo sulla luna, il Festival prosegue con tre concerti presso Villa Pozzolini (viale Alessandro Guidoni 188, ingresso libero).

Mercoledì 18 settembre alle ore 21.15 va in scena “Lunatici Ma Non Troppo”, programma che vedrà protagonisti il contrabbassista Amerigo Bernardi e il violoncellista Luca Provenzani, entrambi prime parti dell’ORT – Orchestra della Toscana.

L’estroso ed eclettico duo vanta decenni di attività insieme e proporrà una carrellata di brani che toccano autori come Rossini, Bach, Mozart, Levitin, Sammartini.

Il Festival proseguirà quindi il 25 settembre con “Il Piccolo Principe”, spettacolo per grandi e piccini basato sul capolavoro letterario di Antoine De Saint-Exupéry, interpretato dall’attore Riccardo Massai e da Diana Colosi all’arpa.

Sulle note dell’arpa, Riccardo Massai proietterà i disegni realizzati per il libro dallo stesso autore, sviluppati in un work in progress originale, in una speciale animazione nello stile della lanterna magica. Attraverso il testo letterario, lo spettacolo incita alla riflessione su tematiche e sentimenti quali amicizia, amore, rispetto della natura, rapporti interpersonali. Un viaggio che guarda al cielo e alla luna, tema guida di questa edizione di InCanto d’Estate, ma anche ai mille mondi interiori dell’uomo.

Il 2 ottobre il festival si conclude con il soprano Silvia Martinelli ed Andrea Trovato al pianoforte, che intraprenderanno un viaggio alla scoperta delle più belle arie d’opera (e non solo) con “…Ma per fortuna è una notte di luna”, musiche di Beethoven, Mozart, Bellini, Schubert, Fauré, Tosti, Debussy, Dvořák

 

 

AMERIGO BERNARDI nasce a Firenze nel 1972. Studia alla Scuola di Musica di Fiesole e si diploma a pieni voti al conservatorio L. Cherubini. Vince giovanissimo numerosi concorsi nazionali e nel 1991 vince la selezione per l’Orchestra Giovanile Italiana, ricoprendo fin da subito il ruolo di primo contrabbasso.

Dal 1991 al 2000 circa suona nell’ORT per poi entrare stabilmente in questa formazione di recente. Dal 2000 al 2002 collabora come primo contrabbasso nell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, partecipando a numerose tournee’ guidate dal M° Z. Mehta. Dal 2002 al 2010 viene scelto personalmente dal M° L. Maazel per ricoprire il ruolo di primo contrabbasso nella sua Orchestra Filarmonica Toscanini (poi Symphonica Toscanini). Con questa orchestra effettua numerosissime tournee’ mondiali, toccando tutti i continenti, suonando nelle più prestigiose sale del mondo : Tonhalle di Zurigo, Suntory Hall a Tokio, Avery Fisher Hall di New York, Chicago Symphony Hall, Beijing Arts Center. Durante la tournee’ americana del 2007 suona come ospite nella New York Phiharmonic Orchestra. Con questa orchestra ha l’opportunità di suonare con i maggiori direttori e solisti al mondo: L. Maazel, Y. Temirkanov, G. Pretre, Z. Mehta, E. Inbal, M. Rostropovich, R.F. de Burgos, V. Gergiev, I. Perlmann, M. Vengerov, J. Fisher. Dal 2002 circa collabora come primo contrabbasso con la Mahler Chamber Orchestra, una delle migliori orchestre da camera al mondo, guidata da bacchette quali C.Abbado e D.Harding. Con questa orchestra effettua numerosissime tourneè mondiali e registrazioni per DECCA e DEUTCHES GRAMMOPHONE. Dal 2003 viene periodicamente invitato da C. Abbado a partecipare alla Lucerne Festival Orchestra, orchestra creata dalla volontà del M° Abbado. Numerose incisioni e DVD con la Lucerne Festival Orchestra. Dal 2010 collabora come primo contrabbasso ospite con l’Orchestre National de Lyon, una delle piu’ prestigiose orchestra francesi. Numerose tournee’ ed incisioni, tra cui un integrale dell’opera di Debussy. Dal 2004 è il contrabbassista dei Solisti di Pavia, prestigioso ensemble cameristico che varia dal quartetto all’orchestra da camera guidato dal grande violoncellista E. Dindo. Con i Solisti di Pavia effettua numerose tourneè europee e mondiali (S.Pietroburgo, Tel Aviv, Buenos Aires). Registra in esclusiva per Decca i concerti per violoncello di Vivaldi e l’integrale dei concerti di C.Ph.E. Bach. Come musicista da camera collabora con i maggiori Festival nazionali ed esteri, e con i maggiori solisti viventi quali J. Bashmet, M. Brunello, G. Kremer, E. Dindo etc. E’ musicista collaboratore del movimento “Human Rights Orchestra” (Orchestra per i Diritti Umani), movimento ideato e guidato dal grande cornista Alessio Allegrini, che si occupa di raccogliere, tramite concerti ed eventi, fondi destinati ad aiutare popolazioni in difficoltà. Dal 2002 è membro della BASS GANG, uno degli ensemble contrabbassistici più apprezzati al mondo. La BASS GANG rappresenta un fiore all’occhiello nel mondo contrabbassistico, affrontando con disinvoltura generi e stili musicali tra i più diversi. Oltre ai “normali” concerti in quartetto, la Bass Gang suona varie volte come solista accompagnata da orchestre in un particolare progetto Verdi – Rossini, Melodie napoletane, con i Berliner Symphoniker e la Tokyo Symphony Orchestra. Dal 2007 e’ docente di contrabbasso presso l’Istituto Musicale Peri – Merulo di Reggio Emilia. Si dedica moltissimo alla formazione giovanile orchestrale. Intensissima anche l’attivita’ di docente in varie summer class, sia in corsi strumentali individuali che come tutor di celli e bassi: Cantiere Internazionale di Montepulciano, Orchestra Giovanile Italiana, Orchestra Giovanile di Domodossola, Orchestra da Camera di Domodossola. Suona un contrabbasso G. Bagatella del 1786 di proprietà dell’Istituto Peri -Merulo.

 

 

LUCA PROVENZANI Violoncellista, allievo per quindici anni dell’indimenticabile M°Franco Rossi si diploma con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze. Frequenta i corsi di perfezionamento con Yo-Yo Ma, Mischa Maisky, Alexander Lonquich, Dario De Rosa, Anner Bijlsma, Mario Brunello ottenendo borse di studio e prestigiosi riconoscimenti (borse di studio all’Accademia Chigiana di Siena, la Fondazione Romanini di Brescia,al Concorso Vittorio Veneto (ed.1985/1987), alla Scuola di Musica di Fiesole, primi premi ai concorsi Chieti (1986), Milano, Moncalieri, Genova). Vincitore della Selezione giovani solisti indetta dall’ORT nel 1994 eseguendo il concerto di Saint- Saens, è stato invitato ad esibirsi successivamente dall’Akademisches Orchester di Friburgo (concerto di Dvorak) ed è stato scelto dalla Rai per rappresentare l’Italia a Lisbona in un concerto da camera radiotrasmesso in diretta in tutta Europa. Si esibisce spesso come solista in varie orchestre, segnaliamo nel 2007 l’esecuzione del Triplo di Beethoven con Andrea Tacchi e Michele Campanella e l’Orchestra della Toscana e nel 2008 la collaborazione con il violoncellista Giovanni Sollima sempre con l’ORT. Nel 2015 con ORT diretta dal M° Daniele Giorgi esegue il Concerto di Saint-Saens e nel 2016 propone un intero programma con ORT in veste di concertatore e solista con musiche di Vivaldi, Sollima, Bruck, Faurè e Piazzolla. Dal 1994 suona in duo con la pianista Fabiana Barbini. Considerato dalla critica come uno dei gruppi da camera più interessanti il duo ottiene numerosi riconoscimenti: Nel 1995 il II premio al Concorso Internazionale di Caltanissetta, il I premio al Concorso ARAM di Roma che gli ha permesso di effettuare una tournée in Germania e Polonia. Nello stesso anno ha vinto il XIX Concorso F. Cilea di Palmi ottenendo inoltre il premio speciale della giuria per l’esecuzione di Beethoven. Nel 1997: ottiene il II premio al Concorso Città di Corsico (MI) ed il III premio al prestigioso Concorso Internazionale “ Premio Trio di Trieste“ ricevendo in entrambe le manifestazioni il premio speciale quale miglior duo italiano. Nel 1998 riceve il I premio con l’ambita menzione speciale al XXI concorso “Cilea” di Palmi. Nel 1999 consegue il I premio al prestigioso Concorso di Castelfranco Veneto aggiudicandosi inoltre il premio speciale per l’esecuzione di Brahms, ed una serie di concerti nelle più importanti stagioni italiane. Il Duo ha effettuato numerose registrazioni radiofoniche per la RAI ed ha suonato per prestigiose stagioni concertistiche (Amici della musica di Firenze, Mestre, Padova,Verona,Bologna Festival, Agimus nazionali, Cidim di Roma, Ravenna Festival, Teatro della Fenice, C.C. Bellunese,MusikHalle di Amburgo, Accademia Chopin di Varsavia, Conservatorio di Lisbona, AsoloMusica, Rathaus di Lubecca,ecc.). Come camerista Provenzani si esibisce spesso in duo con il fagottista Paolo Carlini, è membro del Trio Florentia e del Sestetto d’archi di Firenze. Intensa la sua attività di primo violoncello con importanti orchestre come l’OSER di Parma, la RAI di Torino e la Symphonica Toscanini. Stabilmente ha ricoperto il ruolo di concertino con obbligo del primo violoncello al Teatro dell’Opera di Roma e a partire dal 2001 di primo violoncello presso l’Orchestra della Toscana. L’attività didattica di Provenzani l’ha portato a insegnare presso l’Istituto musicale di Carpi e Siena e il Conservatorio “Martini” di Bologna e “Cherubini” di Firenze. Attualmente insegna violoncello presso Scuola di Musica di Fiesole, CAMU Casa della Musica di Arezzo e presso la Scuola di Musica Le 7 Note di Arezzo di cui è fondatore. Provenzani affianca all’attività violoncellistica anche un importante impegno come organizzatore di eventi.