Arte

Firenze Suona Contemporanea 2019: Nancy Burson al Museo Marino Marini

Il Giardino Monocromatico, titolo della edizione 2019, ispirato ai giardini zen e all’influenza della cultura giapponese sull’Europa, diretto dal compositore italo-americano Andrea Cavallari, vuole colpire l’immaginario con una proposta che non si accontenta dei sentieri tradizionalmente battuti: concerti e esposizione d’arte si uniscono in eventi che si pongono al confine fra dimensioni diverse, sperimentando inedite forme di accompagnamento reciproco fra musica e immagine. Firenze Suona Contemporanea conterà su scenografie straordinarie e insolite, luoghi storici e spazi museali della città come il Tepidarium del Roster, il Museo Novecento, il Museo Marino Marini e la Manifattura Tabacchi.

FIRENZE SUONA CONTEMPORANEA 2019 è realizzato nell’ambito dell’Estate Fiorentina, in collaborazione con Museo Novecento, Fondazione Berengo, ASF Ltd London, Flame Ensemble, Museo Marino Marini e Manifattura Tabacchi.

 

Tra gli ospiti in cartellone, oltre a Nyman e Kentridge, sempre alla Manifattura Tabacchi, Andrea Cavallari con una installazione audio-visiva, i giovani artisti Giovanni Vetere, Matteo Pasin e Luís Calçada con delle video installazioni, e l’eccentrica artista americana Nancy Burson con la grande scultura DNA HAS NO COLOR. Nancy Burson sarà poi presente anche al Museo Marino Marini, con la video installazione Love Above All Else e l’installazione sensoriale Perpetual Mary: An Experiential Installation, dal 13 al 23 settembre e con la scultura DNA HAS NO COLOR che per l’occasione il 13 settembre sarà spostata dalla Manifattura Tabacchi a Museo Marino Marini. Il Museo Novecento sarà teatro invece di gran parte dei concerti solistici che vedranno Roberto Fabbriciani e Francesco Dillon, esplorare compositori giapponesi a confronto con compositori europei, mentre Michele Marasco e Marta Cencini proporranno un programma interamente dedicato alla musica minimalista con lavori di Reich, Cage, Glass. Infine, sempre al Museo Novecento, un evento-maratona, il 27 settembre, interamente dedicato al movimento FLUXUS, 20 performer circa occuperanno per intero lo spazio museale trasformandolo in un teatro d’azione, musica, poesia, e performance non stop dalle ore 18 alle ore 22.

Dal 13 (vernissage ore 18.30) fino al 23 settembre, al Museo Marino Marini verrà presentata l’installazione video Love Above All Else, l’installazione interattiva dall’emblematico titolo Perpetual Mary: An Experiential Installation, e la video proiezione The Energy of a Drawing in UV Light sempre della video-artista americana Nancy Burson, oltre alla scultura DNA HAS NO COLOR presentata il 7 settembre alla Manifattura Tabacchi.