Musica

I Concerti serali di FloReMus 2019

Concerti serali

2 settembre, ore 21,15, Biblioteca di Michelozzo, Museo di S.Marco (Piazza San Marco, Firenze)
Firenze circa 1350
Musica al tempo dello sbocciare dell’Umanesimo
Ensemble Sollazzo
diretto da Anna Danilevskaia (Basilea, Svizzera)
Musiche di Paolo, Donato, Giovanni e Lorenzo da Firenze, Francesco Landini
Tra il 1350 e il 1400, la città di Firenze fu l’epicentro di una fioritura culturale che ha influenzato la cultura italiana fino ad oggi: l’architettura e le arti stavano subendo un cambio estetico, il dialetto toscano fu elevato a un linguaggio letterario da poeti come Dante, Petrarca e Boccaccio, e la popolazione di Firenze divenne eccezionalmente colta e ben educata.

3 settembre, ore 21,15, Biblioteca di Michelozzo, Museo di S.Marco
“Il giardino del liuto”
musiche per quattro liuti
European Lute Quartet (S.Richter, J.M.Poirier, T.Meunier, G.L.Lastraioli)
Musiche di N. Vallet – R. Ballard – G. Pacoloni  e anonimi vari del XVI secolo
Lo splendore e l’estro del repertorio per il liuto, che era  strumento più popolare del Rinascimento, affidato a quattro virtuosi europei.

4 settembre, ore 21.15, Basilica di San Miniato al Monte (via delle Porte Sante 4)
L’Homme Armé diretto da Fabio Lombardo. Voce recitante Pietro Bartolini

Una Passione per il Popolo
La Passione secondo Matteo di Francesco Corteccia, il musico del Granduca Cosimo I
Musiche di Francesco Corteccia
A cavallo tra gli anni Venti e Trenta del XVI secolo, il giovane musicista mediceo compone due passioni. In questo concerto viene presentata la passione secondo Matteo, a tutt’oggi ancora inedita, un esempio del particolare stile fiorentino che si andava sviluppando in quegli anni parallelamente all’invenzione del madrigale. Corteccia diventerà il musico prediletto del Granduca Cosimo I e viene ancora oggi considerato uno dei migliori testimoni della musica del Rinascimento fiorentino. INGRESSO LIBERO

6 settembre, ore 21.15, Auditorium di S. Apollonia, Via S. Gallo 25
Ensemble Doulce Mémoire diretto da Denis Raisin Dadre (Francia)

Musiche per il regno di Francesco I di Valois
Musiche per la Chambre du Roi
Un concerto che ricrea il fascino della vita di tutti i giorni alla corte di Francia nel XVI secolo attraverso il repertorio musicale  della Camera del Re. Appassionato di feste, balli e spettacoli, Francesco I sarà circondato dai migliori cantanti e strumentisti di Francia per rendere la vita di corte piacevole e rinvigorita, ma anche per partecipare alla sua politica di prestigio. Niente di meglio di uno dei migliori e più longevi gruppi specializzati (Denis Raisin Dadre fondò l’Ensemble Doulce Mémoire nel 1989) per ridare vita a questo singolare repertorio.

Floremus 2019, III Edizione

La terza edizione avrà un focus legato a tre importanti o particolari ricorrenze: 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, ma anche dalla nascita di Cosimo I, primo Granduca di Toscana, e di Caterina de’ Medici, diventata regina di Francia come moglie di Enrico II. Il calendario degli appuntamenti, che abbraccio un arco di tempo più ampio di quello delle precedenti edizioni, sarà articolato in diversi momenti e in luoghi con differenti caratteristiche:

  • concerti serali: affidati ad interpreti di livello internazionale, e collocati in luoghi di straordinario interesse culturale;
  • concerts à boire: affidati a giovani gruppi e singoli musicisti emergenti, e collocati, in orario da aperitivo, in contesti più informali e anche conviviali;
  • conversazioni: incontri su temi legati al periodo storico, affidati ad esperti del settore che li affronteranno con un taglio da alta divulgazione;
  • laboratori: un momento didattico divulgativo rivolto anche a chi sa pochissimo del Rinascimento a Firenze;
  • corso internazionale: interamente dedicato al repertorio rinascimentale, oggi il meno studiato anche nei tanti corsi di musica antica che sono nati nei Conservatori italiani. Il corso, realizzato in collaborazione con la Scuola di Musica di Fiesole, sarà rivolto sia ad appassionati e amatori, sia a giovani musicisti di livello avanzato e sarà articolato in tre diversi atelier: il primo per ensembles già costituiti (30/8-1/9, il secondo dedicato al madrigale e alla chanson (5-8/9) e il terzo dedicato al repertorio carnascialesco fiorentino (5-8/9).