Teatro e Danza

Il Teatro Miela Trieste a San Salvi

Per la prima volta, un reportage giornalistico diventa uno spettacolo teatrale che affronta da una prospettiva originale il tema dei migranti. A Trieste il giornalista Gianpaolo Sarti si finge migrante per un giorno e scrive un’ inchiesta sulla situazione dei richiedenti asilo, raccontando la città nascosta, quella degli emarginati che si rifugiano al “Silos”, un vecchio edificio abbandonato, ma anche la città che accoglie, la città che si prende cura delle persone in difficoltà.
Giuseppe Nicodemo, autore e attore del Teatro di Fiume, ha adattato il reportage calandolo in una dimensione in cui si confondono sogno e realtà, evocando la condizione di sospesa marginalità del mondo dei profughi e al contempo evidenziando le loro qualità umane.

Interpreta il ruolo del giornalista il giovane attore Francesco Godina. Lo spettacolo si avvale anche della collaborazione di Zabiullah Ahmadi, rifugiato afgano che vive e lavora a Trieste, il quale in video racconta l’esperienza di vita di un rifugiato.

Sabrina Morena ha curato la regia, combinando i diversi piani del testo attraverso la ricostruzione di uno spazio che evoca il mondo degli emarginati, avvalendosi di proiezioni e video mapping a cura di Den Baruca e Davide Sanson. Gli scatti dei fotografi del Piccolo Andrea Lasorte, Francesco Bruni eMassimo Silvano sono stati rielaborati andando a fare parte integrante della scenografia ideata da Marco Juratovec.

“Una splendida giornata da clandestino” è nato all’interno del festival S/paesati – eventi sul tema delle migrazioni che davent’anni si occupa dei temi riguardanti l’accoglienza, il rispetto dei diritti umani e le pari opportunità.

Giovedì 29 agosto | ore 21:30
Teatro Miela Trieste
_Teatro_
UNA SPLENDIDA GIORNATA DA CLANDESTINO

Ingresso 12€ | Ridotto Coop/Arci 10€ | Carta dello Studente 8€ 

Posti limitati. Prenotazione consigliata
Info e prenotazioni: 055.6236195 | 335.6270739 | info@chille.it