Festival
Letteratura

L’Eredità delle Donne torna a Firenze: tutto il programma

“La città delle donne” e “Vieni avanti, cretina!”, due grandi serate al Teatro della Pergola ideate e condotte da Serena Dandini nel segno di ironia, riflessione e comicità; “Cinquanta sfumature di rosa” al Saloncino della Pergola, una non-stop serratissima di confronti fra le donne oggi in prima linea nelle grandi rivoluzioni della nostra epoca per fare il punto su diritti, ambiente, lavoro, scienza, innovazione, sport e scenari internazionali; e poi “Canzone per Carol”, un omaggio di Concita de Gregorio all’artista scomparsa Carol Rama; Geppi Cucciari con la scrittrice Miriam Toews e infine l’anteprima assoluta del libro “Le Nuove Eroidi” (HarperCollins), con il reading delle autrici Ilaria Bernardini, Caterina Bonvicini, Teresa Ciabatti, Michela Murgia, Antonella Lattanzi, Valeria Parrella, Veronica Raimo e Chiara Valerio.

Sono questi alcuni degli appuntamenti in programma a Firenze da venerdì 4 a domenica 6 ottobre che, insieme all’evento “Altre Narrative” al Gucci Garden e alle iniziative che si terranno alla Manifattura Tabacchi, completano il programma della seconda edizione del festival L’Eredità delle Donne, diretto da Serena Dandini.

Nell’ottica di un sempre maggiore coinvolgimento della città, quest’anno in Piazza della Repubblica, dal 2 al 6 ottobre, sarà presente un info-point (orario 9-13 14-18) decorato dal fantomatico street artist LeDiesis, celebre per le sue Superwomen, uno spazio interattivo dove sarà possibile anche scoprire “Donne all’ultimo grido”, progetto d’ascolto che si propone di raccogliere gli urli in una virtuale “urloteca”.

Il progetto “L’Eredità delle donne” è di Elastica e di Fondazione CR Firenze con la co-promozione del Comune di Firenze, con partner Gucci ed è un evento ideato nel nome di una fiorentina illustre: l’Elettrice Palatina ovvero Anna Maria Luisa de’ Medici, musa ispiratrice dell’iniziativa, l’ultima discendente della famiglia Medici e colei che ha lasciato al mondo il patrimonio di arte e cultura della celebre dinastia.

”L’empowerment femminile e le pari opportunità sono sempre temi di stretta attualità – si legge in una nota rilasciata da Dario Nardella, sindaco di Firenze (assente alla presentazione del programma) –. Basti pensare ancora alle troppe disparità salariali e di ruoli, dal lavoro allo sport alla politica. Un festival che parla di questi temi attraverso le protagoniste del mondo dello spettacolo non può che arricchire il tessuto della nostra città e costituire le basi per una riflessione globale sul ruolo e sul futuro della donna nella nostra società”.

”L’entusiasta risposta delle espressioni più vivaci del territorio alla seconda edizione – osserva a sua volta il Presidente di Fondazione CR Firenze Luigi Salvadori – conferma la bontà del progetto e l’efficacia dell’indirizzo che si è data la Fondazione. Intendiamo essere sempre più presenti non solo con significativi interventi economici, ma anche con proposte culturali di alto livello, rivolte soprattutto alle nuove generazioni”.

 

Le serate condotte da Serena Dandini al Teatro della Pergola (4 e 5 ottobre, ingresso gratuito, su prenotazione sul sito www.ereditadelledonne.eu)

 

A inaugurare il festival (venerdì 4 ottobre, alle 21, al Teatro della Pergola) sarà il talk-show ideato e condotto da Serena Dandini “La città delle donne”, una serata per raccontare le città – come sono e come dovrebbero e potrebbero essere – se fossero disegnate, pensate, immaginate dalle grandi donne di oggi. Protagoniste sul palco la giornalista Concita De Gregorio, la sindaca di Ancona Valeria Mancinelli, eletta miglior sindaco del mondo nel 2018; Valentina Sumini, architetta spaziale, Maria Pia Ercolini, presidente dell’associazione Toponomastica femminile, che da molti anni denuncia la discriminazione di genere attraverso l’analisi dei nomi delle strade in Italia e Doriana Mandrelli Fuksas, una delle architette italiane più conosciute nel mondo. Due le voci internazionali presenti: quella della sindaca di Barcellona Ada Colau e quella di Souad Abderrahim, sindaca Tunisi.  La seconda serata (sabato 5, alle ore 21, al Teatro della Pergola) sarà dedicata alla comicità femminile, visto che oggi più che mai le attrici comiche sbancano il botteghino e raccolgono consenso di pubblico e di critica. “Vieni avanti cretina vedrà alternarsi attrici comiche di ieri e di oggi sotto la mano di Serena Dandini e Martina dell’Ombra, in pieno stile “Stand Up Comedians”: Cristina Chinaglia, Alessandra Faiella, Emanuela Fanelli, Michela Giraud, Cinzia Leone, Annagaia Marchioro, Germana Pasquero, Rita Pelusio, Lucia Vasini. Madrina della serata una grande donna che ha fatto la storia dello spettacolo: Lucia Poli.

 

Gli appuntamenti al Saloncino della Pergola (Cinquanta sfumature di rosa; 5/10 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.00; 6/10 dalle 10 alle 13.30, ingresso libero fino a esaurimento posti)

 Sul modello dei grandi summit internazionali, le donne del nostro tempo si racconteranno in una non-stop di incontri fra attualità, scienza, innovazione, letteratura e scenari internazionali nell’ambito di Cinquanta sfumature di rosa, ovvero gli stati generali delle donne, la novità dell’edizione 2019: sabato 5 e domenica 6 ottobre al Saloncino della Pergola un ciclo di appuntamenti senza soluzione di continuità in cui le donne ripensano il mondo e sono in prima linea nelle grandi rivoluzioni di oggi. Dall’emergenza climatica ai diritti, dalla ricerca scientifica allo sport e al lavoro, il programma intercetta la più stringente attualità, analizzando il presente e immaginando il futuro. Il pubblico potrà seguire l’intera maratona degli incontri oppure scegliere i singoli panel secondo gli orari indicati.

Sabato 5 ottobre dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.00

Ad aprire la mattina di sabato sarà Concita De Gregorio (alle 10.30) con “Canzone per Carol. Epitaffio per voce sola”, lettura scenica in omaggio alla celebre artista Carol Rama, scomparsa nel 2015. “Saranno le donne a ripulire il pianeta?” è il titolo dell’incontro dedicato al tema dell’emergenza climatica, in programma alle 11, moderato da Livia Firth, co-fondatrice e direttore creativo di Eco-Age, agenzia che supporta i brand internazionali nel loro percorso verso l’etica e l’ecosostenibilità, e alla presenza di Rosalba Giugni, presidente Marevivo, Donatella Bianchi, presidente WWF Italia, Marina Baldi, climatologa del CNR e Antonella Centra, EVP General Counsel, Corporate Affairs & Sustainability di Gucci. A seguire, alle 12, “È che ci disegnano così”il panel che vuole esplorare le diverse forme di rappresentazione della donna: dalla Fata Turchina alla Barbie, attraverso la pubblicità e la moda, fino al femminile futuristico. Moderato da Chiara Valerio, vede protagoniste le scrittrici Licia Troisi e Teresa CiabattiSimona Pedicini, ricercatrice in storia della mistica femminile e tanatoestetica e Ivana Bartoletti, fondatrice di Women Leading in Artificial Intelligence, un network internazionale di donne che lavorano nell’intelligenza artificiale.  Il pomeriggio si apre alle 14.30 con “Scienziate da Nobel”: l’astronoma e astrofisica Sandra SavaglioElisabetta Baracchini, ricercatrice sulla materia oscura e la genetista Nicole Soranzo porteranno la loro testimonianza di eccellenze femminili in un mondo maschile come quello della scienza. L’incontro è moderato da Gabriella Greison e vede la partecipazione di Letizia Scacchi di Scienza Coatta. Il pomeriggio prosegue alle 15.30 con “Chi l’ha detto che le femmine non fanno goal?” moderato dalla giornalista sportiva Ilaria D’Amico. Con lei sul palco Novella Calligaris, prima italiana a vincere una medaglia olimpica nel nuoto, Diana Bianchedi, ex campionessa di scherma e coordinatrice Olimpiadi invernali 2026, Patrizia Panico, CT della nazionale Under-15 femminile e l’ex pallavolista Maurizia Cacciatori. Chiude la prima giornata l’intervista di Geppi Cucciari alla scrittrice canadese Miriam Toews, autentica rivelazione della narrativa anglofona col suo pluripremiato romanzo “Donne che parlano” in cui ha affrontato il tema della violenza sulle donne.

Domenica 6 ottobre dalle 10:00 alle 13:30

Fra le ospiti internazionali di domenica 6 l’attivista argentina Marta Dillon, da sempre in prima linea per la difesa dei diritti delle donne e fondatrice nel 2015 del movimento “Ni una menos”, partecipa all’incontro “I diritti delle donne sono i diritti di tutti” in programma alle 10 e moderato da Francesca Caferri, giornalista de La Repubblica. Con lei ci saranno Carlotta Sami, portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR); Lina Ben Mhenni, fra le prime donne a raccontare la Primavera Araba attraverso il suo blog  “Una ragazza tunisina” e Adelaide Corbetta, presidente The Circle Italia Onlus. Di gender gap e carriere in salita discuteranno, moderate da Gad Lerner, l’economista Elsa ForneroIlaria Capua virologa di fama internazionale, Antonia Klugmann, chef stellata, Pamela Villoresi, attrice e direttrice del Teatro Massimo di Palermo e Chiara Pastorino, Responsabile Diversity & Inclusion Intesa Sanpaolo, nell’incontro “Gender Gap e soffitti di cristallo” che verrà aperto alle 11 da Agnese Pini, direttrice de La Nazione. Alle 12.15 conclude la mattina il reading, in anteprima nazionale, del libro “Le nuove Eroidi” (HarperCollins), rivisitazione attualissima delle Eroidi di Ovidio, a 2000 anni dalla sua morte. Protagoniste saranno Ilaria Bernardini, Caterina Bonvicini, Teresa Ciabatti, Michela Murgia, Antonella Lattanzi, Valeria Parrella, Veronica Raimo e Chiara Valerio, le autrici che giocando in modo innovativo e appassionante con i miti originali hanno riscritto in chiave contemporanea le famose epistole, rovesciando il tradizionale punto di vista maschile sulle storie raccontate.

Anteprima del festival al Gucci Garden con Altre narrative (3/10, alle 19, in piazza della Signoria, 10) Ingresso libero fino a esaurimento posti

 Giovedì 3 Ottobre alle 19, Gucci Garden ospiterà, all’interno del suo bookstore, “Altre narrative”, una conversazione a più voci sul processo creativo, sulla cultura visuale contemporanea e sulla comunicazione, fuori da ogni narrativa stereotipata. Partecipano all’incontro Livia Carpenzano, artista; Mariuccia Casadio, art consultant di Vogue Italia; Maria Luisa Frisa, curatrice della Gucci Garden Galleria; Alessandra Mammì, storica dell’arte e giornalista.

Per l’occasione, nel Cinema da Camera della Gucci Garden Galleria verrà proiettato “Appendice per una supplica”, dell’esponente della neoavanguardia italiana Ketty La Rocca (1938-1976), presentato alla Biennale Arte di Venezia nel 1972, nella sezione Performance e Videotape (durante i giorni del Festival, l’ingresso alla Gucci Garden Galleria e al Cinema da Camera sarà gratuito per tutte le donne).

 

Manifattura Tabacchi, 4, 5 e 6/10 (via delle Cascine 33) Ingresso libero fino a esaurimento posti

Debutta, come location del festival, la Manifattura Tabacchi, dove venerdì 4 ottobre alle 22 si terrà il Dj set di Sama Abdulhadi, la prima Dj donna palestinese. Sabato 5, alle 18, lo stesso spazio ospita “Di cosa parlano le donne quando parlano di musica?” a cura del giornalista musicale Pierfrancesco Pacoda: tre giovani donne, Nada, Veronica Lucchesi de La rappresentante di Lista Margherita Vicario, rappresentanti della nuova musica italiana, raccontano il loro percorso creativo. Domenica 6 ottobre alle 16.30 Michela Murgia e Chiara Tagliaferri, introdotte dal giornalista Edoardo Rialti, presentano il libro Morgana (Mondadori): dieci storie di donne controcorrente, strane, pericolose, esagerate e difficili da collocare.

Il Caffè Letterario nelle librerie del centro storico di Firenze (5 e 6/10)

Dopo il successo dello scorso anno torna il Caffè Letterario con 16 appuntamenti “diffusi” nelle librerie del centro storico: Feltrinelli via de’ Cerretani, La Feltrinelli Red, Libraccio, Todo Modo e Le Murate (in collaborazione con “La Nottola di Minerva”). Saranno a Firenze a presentare i loro libri Susanna Tartaro (Libraccio, 5/10 ore 12) con Ascoltatori (ADD), Nina Verdelli (Feltrinelli Cerretani, 5/10 ore 16) con Brevi storie tristi (Baldini+Castoldi), Lidia Ravera, Roberta Colombo, Emanuela Giordano Brunella Schisa (Libraccio, 5/10 ore 16) con Terzo Tempo, Annalena Benini (Le Murate 5/10 ore 17) con I racconti delle donne (Einaudi), Carla Cucchiarelli (Feltrinelli Cerretani, 5/10 ore 17.30) con Il Telefono Rosa. Una storia lunga trent’anni (Castelvecchi), Chiara Valerio (Todo Modo, 5/10 ore 18.30) con Il cuore non si vede (Einaudi), Irene Soave (Todo Modo, 6/10 ore 11.30) con Galateo per ragazze da marito (Bompiani), Fabio Leocata (Feltrinelli Cerretani, 6/10 ore 11.30) con La gentilezza vola lontano (Librì), Barbara Baraldi (Libraccio, 6/10 ore 12) con L’ultima notte di Aurora (Giunti), Valeria Parrella (La Feltrinelli Red, 6/10 ore 16) con Almarina (Einaudi), Ginevra Bompiani (Le Murate, 6/10 ore 17) con L’altra metà di Dio (Feltrinelli), Veronica Raimo e Marco Rossari (La Feltrinelli Red, 6/10 ore 17.30) con Le bambinacce (Feltrinelli), Vera Gheno (Todo Modo, 6/10 ore 18) con Potere alle parole (Einaudi). E poi ancora Lia Piano (Libraccio, 6/10 ore 18) con Planimetria di una famiglia felice (Bompiani), Grazia Di Michele (La Feltrinelli Red, 6/10 ore 18.30) con un minilive in cui presenterà il libro Apollonia (Castelvecchi) e il cd Sante Bambole Puttane, Ester Viola (Le Murate, 6/10 ore 18.30) con Gli Spaiati (Einaudi).

 

Firenze e le donne: 24 appuntamenti in collaborazione con 24 istituzioni (5 e 6/10)

Gli eventi sono tutti gratuiti, alcuni con prenotazione obbligatoria sul sito www.ereditadelledonne.eu

 Visite guidate esclusive, incontri, mostre e spettacoli inediti saranno il cuore delle iniziative proposte dalle 24 istituzioni coinvolte nel programma del festival, ideate per riscoprire, in alcuni dei luoghi più rappresentativi e scenografici della città, le principali figure femminili che nei secoli hanno lasciato un’eredità a Firenze. Dall’arte alla scienza, dalla musica alla storia e alla letteratura, il calendario si sviluppa nelle giornate di sabato 5 e domenica 6 ottobre e rafforza visibilità del festival oltre i confini, grazie alla presenza di prestigiose realtà internazionali.

Il Calendario OFF (dal 4 al 6 ottobre), programma completo su www.ereditadelledonne.eu


Davvero ricchissimo il calendario OFF, segno della risposta entusiasta delle realtà più vive del territorio all’ originale format del festival, che nei tre giorni vedrà spettacoli, reading, proiezioni di film, presentazioni di libri, trekking urbani, workshop, laboratori di scrittura, visite guidate, conferenze, mostre fotografiche ma anche performance musicali, attività sportive e per i bambini, cooking show. Oltre 270 gli eventi che, dal centro alla periferia fino ai comuni della Città Metropolitana, animeranno ogni angolo del territorio grazie alla straordinaria adesione degli oltre 200 soggetti che hanno risposto alla call: istituti scolastici, università, teatri, guide turistiche, artiste, musei, case editrici, biblioteche, associazioni di categoria, culturali e di promozione sociale che con le loro proposte saranno in grado di intercettare pubblici trasversali grazie a linguaggi e modalità di fruizione diversificati.

Il festival “L’Eredità delle donne” è diretto da Serena Dandini su un progetto di Elastica e di Fondazione CR Firenze con partner Gucci e con la co-promozione del Comune di Firenze nell’ambito dell’Estate Fiorentina 2019, ha il sostegno di Intesa SanpaoloTuscany – La bellezza della carta e Publiacqua SpA. Ha il patrocinio di RAI e Città Metropolitana di Firenze ed è in collaborazione con Scuola Holden. Media-partner Radio Rai Tre Radio Rai Due.